ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Bruxelles si schiera con la Banca centrale europea

euronews_icons_loading
Bruxelles si schiera con la Banca centrale europea
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Unione europea sotto shock dopo la sentenza della Corte costituzionale tedesca che giudica improprio l'acquisto di titoli di Stato da parte della Banca centrale.

La Commissione europea ha reagito ricordando la sua posizione apicale nella gerarchia giuridica. "Riaffermiamo il primato del diritto dell'Unione europea - ha comunicato un portavoce - e il fatto che le sentenze della Corte di giustizia europea sono vincolanti per tutti i tribunali nazionali degli Stati membri. La Commissione ha sempre rispettato l'indipendenza della Banca centrale europea nelle sue decisioni di politica monetaria."

La Corte di giustizia europea ha avallato il programma lanciato dalla Banca centrale europea per iniettare liquidità nei mercati durante la crisi finanziaria.

I giudici tedeschi hanno ora specificato che la loro decisione non si applica al nuovo programma di Recovery fund per superare la pandemia.

Ma la sentenza tedesca getta ombre sul futuro della moneta comune.

"La cosa davvero negativa è che se si tratta di un tentativo di legare le mani alla Banca centrale europea siamo spacciati – spiega Luis Garicano, eurodeputato spagnolo liberale - perché questa è l'unica istituzione in grado di agire concretamente in caso di crisi, e se questo viene impedito allora l'unione monetaria è davvero sotto una grossa minaccia."

La posizione condivisa a Bruxelles è che la Banca centrale europea ha bisogno di spazio di manovra per aiutare i paesi in difficoltà.