ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: verso la de-escalation, Madrid fa uscire di casa i bambini

euronews_icons_loading
Covid-19: verso la de-escalation, Madrid fa uscire di casa i bambini
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Con lo sguardo rivolto ai più giovani, il Parlamento spagnolo ha approvato la richiesta del governo per l'estensione del lockdown fino al 9 maggio, richiesta passata con 269 voti a favore, 60 contrari e 16 astensioni.

Ma dal 26 aprile i minorenni potranno uscire accompagnati da un adulto, la Spagna è l'unico Paese europeoo che non ha permesso finora ai minorenni di uscire di casa:

"Da domenica prossima - ha assicurato il premier Pedro Sanchez - data di inizio della nuova estensione del lockdown, proponiamo di consentire ai minori di 14 anni di uscire accompagnati da un adulto. Il confinamento generale sarà revocato solo quando saremo pronti perché non vogliamo rischiare di tornare alla dolorosa situazione che abbiamo vissuto ".

Regno Unito: test a tappeto

Nel Regno Unito gli ultimi dati registrano 759 decessi in più per un totale di 18.100 morti. Il governo ha annunciato un capillare ricorso ai test, che saranno quintuplicati nel corso della prossima settimana.
L'obiettivo è quello di raggiungere quota 100.000 test al giorno entro la fine di aprile.

Italia: le ipotesi sulla riapertura

In Italia si verifica una risalita della curva epidemica dei contagi totali, con un incremento dell'1,8%. ma sempre nell'ambito di un trend in calo.
Il dato può essere spiegato anche con il forte incremento dei tamponi: oltre 63.000 contro i 52.000 del giorno precedente. Per il 19° giorno consecutivo diminuiscono i pazienti in terapia intensiva. Adesso sono 2384, 87 i meno rispetto a ieri.
Il governo valuta la possibilità di autorizzare, in vista della fase 2, dalla metà di maggio, prima l'apertura dei negozi al dettaglio, poi di bar e ristoranti. Non ci sarebbero ancora date definite, ma un'ipotesi sarebbe far riaprire i negozi dall'11 maggio, la ristorazione dal 18.

Francia: Macron ringrazia la filiera agroalimentare

La Francia è il Paese dell'europa continentale con il maggior numero di vittime nelle ultime 24 ore: altre 544 persone sono morte per Covid-19.
21. 340 i decessi nel complesso.
La resistenza è però alimentata dai quasi 1500 guariti in più. E durante la guerra contro il virus, non è mancato il grazie del presidente Emmanuel Macron a tutta la filiera dell'agroalimentare per lo spirito con cui sta reggendo l'urto della crisi.

Nel tweet di Macron: "Grazie a tutti coloro che ci danno da mangiare. Coltivare la terra, organizzare l'offerta e la distribuzione il più vicino possibile ai bisogni, è questa catena di responsabilità e solidarietà che ci permette di resistere. #FranceUnie"

OMS: "Non bisogna fare errori, tanta strada da fare"

Evitare passi falsi perché, a livello globale, il bilancio di Covid 19 sta per sfondare il tetto dei 2,5 milioni di casi segnalati e ha superato le 160.000 vittime.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità invita alla massima cautela: la maggior parte dei Paesi - dichiara l'OMS - è infatti ancora nella prima fase dell'epidemia, con tendenze al rialzo tendenze in Africa, America centrale e meridionale, ed Europa orientale.

Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'OMS, lancia il suo appello: "Non fate errori - dice - abbiamo molta strada da fare. Questo virus rimarrà con noi per molto tempo. Non c'è dubbio che le misure di confinamento e distanziamento abbiano ridotto con successo la trasmissione in molti Paesi. Ma il virus rimane estremamente pericoloso. Ciò significa che l'epidemia può facilmente riaccendersi".

@sanchezcastejon