ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: il Missouri fa causa a Pechino per la pandemia. Che mossa è?

euronews_icons_loading
Covid-19: il Missouri fa causa a Pechino per la pandemia. Che mossa è?
Diritti d'autore  Alex Brandon/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

I numeri dell'infezione cominciano a scendere anche oltreatlantico e Donald Trump si dice fiducioso in una prossima riapertura che riguarderà più Stati. Anche se il lockdown è previsto fino alla fine di aprile.

"La curva è in discesa e facciamo dei progressi straordinari, ma dobbiamo stare attenti, una ricaduta è possibile e noi non la vogliamo".

Trump spinge verso la riapertura economica anche se i sondaggi sembrano vedere la maggior parte degli americani più cauti su questo fronte. E in maggioranza, stando sempre al sondaggio, sono favorevoli al distanziamento sociale fino all'inizio di maggio.

Proteste trasversali negli USA contro il lockdown

Nonostante i risultati, le proteste contro il blocco economico continuano.

Le linee guida pubblicate dalla Casa Bianca raccomandano che Stati e Regioni registrino un declino delle infezioni per un periodo di 14 giorni prima di allentare le restrizioni.

Ma il 1 maggio è ancora lontano per gli americani che hanno perso il lavoro e che fanno la fila alle banche del cibo per sfamare la famiglia.

Sono 2.700 le persone decedute con coronavirus nelle ultime 24 ore. Il totale ora è di 46 mila morti e 842 mila casi, secondo quanto emerge dai dati della Johns Hopkins University.

Stato contro Stato: intentata causa contro la Cina

Intanto il procuratore generale del Missouri Eric Schmitt ha presentato una causa contro il governo cinese per la perdita di vite umane e le conseguenze economiche nello Stato provocate dal coronavirus. Lo riferisce la Cnn. La causa, la prima intentata da uno Stato contro la Cina, è indirizzata contro il governo di Pechino, il partito comunista cinese e altre istituzioni e accusa il governo di avere nascosto informazioni, arrestato gli informatori e negato la "natura" del virus, con gravi conseguenze nel Missouri. La Cina respinge la mossa del Missouri, definendola "a dir poco una assurdità" e priva di base fattuale o legale.

Il portavoce del ministero degli Esteri, Geng Shuang, ha osservato che la risposta cinese al coronavirus non è sotto la giurisdizione dei tribunali Usa, rilevando che sono state date informazioni a Washington sulla vicenda dal 3 gennaio. "Tale abuso di contenzioso non è favorevole alla risposta epidemica in Usa e contrasta con la cooperazione internazionale". Intanto due persone decedute all'inizio e alla meta' di febbraio in California sono i primi morti per coronavirus negli Usa.

Il virus in giro negli USA prima di quanto si pensasse

Le autorità sanitarie locali hanno spiegato che dalle autopsie è emerso come due soggetti morti nella contea di Santa Clara il 6 e il 17 febbraio avevano contratto il Covid-19, segno che il virus potrebbe essersi diffuso settimane prima di quanto si sia pensato finora.

Inizialmente si è ritenuto che il primo decesso negli Usa si fosse verificato il 29 febbraio a Kirkland, nello stato di Washington, un sobborgo di Seattle diventato il primo focolaio della nazione. Poi, il mese scorso, sono stati collegati altri due decessi del 26 febbraio al Covid-19.

E intanto Trump ha bloccato l'immigrazione.