ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Covid-19: maratona negoziale ma non c'è intesa nell'eurogruppo

euronews_icons_loading
Covid-19: maratona negoziale ma non c'è intesa nell'eurogruppo
Diritti d'autore  Eurogrupo
Dimensioni di testo Aa Aa

Tutto rinviato a giovedì 9 aprile, perché in Europa le divisioni restano, malgrado gli sforzi del presidente dell' eurogruppo Mario Centeno per arrivare a una risposta storica all’epidemia di Covid-19» con «il più consistente e ambizioso pacchetto mai predisposto.

Invece il fronte dei Paesi nordici, con Germania e Olanda in testa, di firmare un assegno per finanziare debito comune europeo non ci sta, continuando a ritenere sufficiente gli aiuti che verrebbero elargiti per 240 miliardi dal Fondo salva Stati (Mes), destinati ai governi, 200 dalla Bei per le imprese e 100 del progetto Sure anti-disoccupazione.

Ma Italia, Spagna, Francia e altri dei Paesi più in difficoltà considerano ancora insufficienti questi importi e capitanati da Parigi mirano a far approvare nelle prossime settimane un Fondo europeo, una sorta di piano Marshall che miri a rilanciare gli investimenti da finanziare con debito comune attraverso l’emissione di Recovery bond a 15/20 anni.