ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Amore oltre il confine alla faccia del coronavirus

euronews_icons_loading
Amore oltre il confine alla faccia del coronavirus
Diritti d'autore  AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Le lancette dell'orologio sono andate avanti di un'ora domenica scorsa eppure quelle della storia dei confini sono tornate a diversi decenni fa, quando l'Europa era quella degli stati nazionali variamente impermeabili l'uno dall'altro. Per qualcuno l'Europa unita ha cancellato il fascino segreto del confine, della separazione e dell'addio. Solo adesso - mentre il coronavirus ci ha messo tutti ai domiciliari e ha fatto scattare quarantene inimmaginabili solo due mesi fa - ecco che il desiderio di spezzare ancora il confine, di superarlo, di ingannarlo, di congiungersi o almeno di vedersi stando a pochi passi l'uno dall'altro torna prepotentemente, come accade per ogni libertà negata che si vuole a tutti i costi riconquistare.

Danimarca e Germania, così vicine così lontane

Siamo andati in una sperduta regione tedesca che confina con la Danimarca. In una zona in cui il confine, quando esisteva, era minuscolo, ad Aventoft (Schleswig-Holstein). Due anziani in questi giorni si danno appuntamento sul lembo di terra dove è risorta quella barriera che la storia aveva fatto evaporare e questo in barba alle nuove regole della quarantena. Lei era vedova da tre anni e lui da due. Lui le aveva offerto un mazzo di fiori e poi l'ha presa per mano, qualche tempo fa. Nessuno dei due è andato a vivere dall'altro, così la quarantena li ha divisi da qualche giorno. Da quando la Germania ha chiuso i suoi confini alla faccia di Schengen. Ma come si fa a rinunciare al brindisi serale con l'amata? Del resto i doganieri sono ancora assenti. Ecco i nuovi vecchi amori, al tempo del coronavirus.