ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Nove leader Ue chiedono i Coronabond. La Germania si oppone

euronews_icons_loading
Nove leader Ue chiedono i Coronabond. La Germania si oppone
Diritti d'autore  AP Photo/Michael Sohn, pool
Dimensioni di testo Aa Aa

La crisi causata dalla pandemia di Covid-19 ha riacceso un lungo dibattito tra i paesi dell'Unione europea sulla solidarietà finanziaria. I leader di nove Stati membri, tra i quali Giuseppe Conte, hanno scritto una lettera congiunta, in vista del vertice europeo di giovedì, chiedendo misure di sostegno, tra cui "uno strumento di debito comune", una sorta di Coronabond. Oltre che dall’Italia, la lettera indirizzata a Bruxelles è firmata da Spagna, Francia, Portogallo, Slovenia, Grecia, Irlanda, Belgio e Lussemburgo. Tra i firmatari non figura la Germania, da sempre ostile a questo tipo di piani. L'opposizione di Berlino è stata rafforzata poche ore fa dal ministro dell'Economia tedesco, Peter Altmeier.

Posso solo raccomandare che non si conducano dibattiti fantasma per motivi ideologici in cui ognuno tira fuori la propria soluzione, concetti vecchi di cinque o dieci anni. Sono contento che le proposte su Eurobond o similari non abbiano trovato grande riscontro
Peter Altmaier
Ministro dell'Economia tedesco

Nel frattempo l’Eurogruppo ha discusso la possibilità di introdurre i Coronabond, nel corso della sua ultima riunione tenutasi in video conferenza martedì.

La richiesta di un sistema di Eurobond, in cui i Paesi avrebbero garantito il debito per stabilizzare le economie fragili, si è manifestata durante il crollo finanziario della Grecia. La pressione sta tornando a crescere, ma la Germania e gli altri Paesi del nord restano fermi sulle proprie posizioni.