ULTIM'ORA
This content is not available in your region

#AndràTuttoBene. L'Italia unita, nella lotta contro il Covid-19

euronews_icons_loading
#AndràTuttoBene
#AndràTuttoBene   -   Diritti d'autore  RAI
Dimensioni di testo Aa Aa

#AndràTuttoBene. E' quello che continuano a ripetersi gli italiani, da diversi giorni ormai, da quando sono piombati nell'incubo. Da quando la penisola si è fermata - non tutta ma quasi -. Da quando le abitudini di vita hanno dovuto cambiare, per poterla preservare questa vita.

Il Covid-19, quel mostro che sembrava così lontano, è entrato a far parte della quotidianità degli italiani, costringendoli in casa. Quelli che possono restare in casa, perché c'è chi non ha scelta e deve affidarsi alle cure di medici e infermieri, angeli che lavorano senza sosta, per provare a salvare più vite possibili, in quegli ospedali che sfiorano ormai il collasso.

Oltre 15.000 casi di contagio - quelli accertati dal tampone - più di 1.200 guariti, ma anche 1.000 persone che non ce l'hanno fatta. Questi gli ultimi dati della Protezione Civile, che toccano tutto il Paese, da Nord a Sud. Tutte le regioni, in particolare quelle del Nord, motrice dell'Italia, ma anche focolaio dell'epidemia.

E per arginarla, quest'epidemia, tutti guardano al modello Codogno, fatto di due settimane di sacrifici, di vite in quarantena. Un modello che pare stia funzionando. Scuole, negozi, bar e ristoranti chiusi. Quelle poche persone che si vedono per strada, vanno al lavoro, oppure a fare la spesa. Cambiare le proprie abitudini, rinunciare, per riprendersi il prima possibile. Per tornare a riempire quelle strade, per riaprire le porte ai turisti. Perché andrà tutto bene.