ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Iran, alle parlamentari i riformisti restano alla porta: affluenza a rischio

euronews_icons_loading
Iran, alle parlamentari i riformisti restano alla porta: affluenza a rischio
Diritti d'autore  AP Photo/Vahid Salemi
Dimensioni di testo Aa Aa

Si giocherà tutta tra conservatori e ultraconservatori la tornata elettorale che domani, venerdì 21 febbraio, chiamerà gli iraniani al voto per il rinnovo del parlamento.

Ma stando ai sondaggi, gli elettori, soprattutto i più giovani e secolarizzati nelle aree urbane, potrebbero disertare le urne: oltre a un'economia sempre più soffocata dalle sanzioni di Washington, all'aumento dei prezzi dei carburanti e alle decine di iraniani uccisi nell'abbattimento di un volo di linea vicino Teheran, ad alimentare la disillusione degli iranani ora c'è anche l'esclusione di migliaia di candidati riformisti, e il prevedibile squilibrio che questa determinerà negli equilibri politici del paese.

Candidature falcidiate

Sono quasi la metà - 7.300 su 16mila - le candidature respinte tra le fila dei riformisti, rimasti così senza candidati di spicco in diverse città strategiche: tra gli esclusi, anche un'ottantina di deputati dell'uscente legislatura, tra cui alcune note figure come Ali Motahari, Mahmoud Sadeghi, Nader Ghazipour, Mohammad Reza Tabesh, ed Elias Hazrati. Anche Shahindokht Molaverdi, la ex vice presidente con delega alle politiche per le donne e la famiglia nell'amministrazione Rohani è stata esclusa.

Il Consiglio dei Guardiani della Costituzione - organismo incaricato di selezionare le candidature, e di fatto emanazione della Guida Suprema, Ali Khamenei - ha motivato le "squalifiche" con "problemi finanziari", espressione che indica accuse di frode o appropriazione indebita.

Sfiducia crescente

Una mossa che ha profondamente scosso l'elettorato più giovane o moderato: "So che nessuna delle nostre aspettative sarà soddisfatta" ha detto un elettore al nostro. corrispondente di Euronews a Teheran . "E con le numerose squalifiche di quest'anno, quelli che potrebbero aiutarci non potranno neppure entrare in Parlamento".

"Questa potrebbe essere la campagna elettorale più tiepida degli ultimi 40 anni - ha spiegato a Euronews l'attivista politico riformista Mostafa Tajzadeh - perché è come una corsa con un solo cavallo. Una parte si presenta in forze mentre l'altra deve affrontare forti limitazioni. Poiché Teheran è al centro dell'attenzione pubblica , le squalifiche nella capitale non sono state molte, per lasciare una parvenza di competizione. Ma molti riformisti sono stati esclusi in altre province per ottenere la maggioranza in parlamento".

Negli ultimi 41 anni, l'affluenza media alle parlamentari in Iran si è aggirata sul 60,5 per cento. Ma secondo alcuni sondaggi, perlomeno nelle grandi città, le urne potrebbero essere molto meno affollate stavolta