ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Siria: 900.000 sfollati da inizio dicembre. Riapre l'aeroporto di Aleppo

euronews_icons_loading
Siria: 900.000 sfollati da inizio dicembre. Riapre l'aeroporto di Aleppo
Diritti d'autore  SANA via AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Moltissimi siriani hanno cambiato campo di accoglienza per sfollati già una ventina di volte dall'inizio del conflitto. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, pubblicato questo lunedì, 900.000 persone, la maggior parte delle quali donne e bambini, sono state costrette a fuggire da inizio di dicembre, in Siria. Il sottosegretario generale per gli Affari umanitari e per il soccorso di emergenza dell'Onu, Mark Lowcock, ha dichiarato che la crisi nella regione di Idlib ha ormai raggiunto "un nuovo, terrificante livello".

Assad: "La battaglia deve continuare"

Nel frattempo, in un discorso trasmesso dalla televisione di Stato, il presidente siriano Bashar al Assad si è congratulato con le sue forze, che tra domenica e lunedì hanno riconquistato la cintura periferica sudoccidentale di Aleppo. Grazie a quest'offensiva russo-siriana - che vuole liberare la zona nord-ovest del Paese ancora sotto il controllo delle opposizioni armate sostenute da Ankara - ha riaperto dopo otto lunghi anni l'aeroporto internazionale di Aleppo. Già questo mercoledì, dovrebbe decollare il primo volo civile diretto a Damasco.

Non dobbiamo riposarci, ma continuare a prepararci per le prossime battaglie. La battaglia di liberazione delle periferie di Aleppo e Idlib continuerà, nonostante le urla al vento pronunciate da Nord (dalla Turchia, ndr.). Libereremo tutto il suolo siriano, sconfiggeremo il terrorismo e raggiungeremo la stabilità
Bashar al Assad
Presidente siriano

Nelle ultime settimane, le truppe governative sostenute da Mosca hanno conquistato più di 1.500 chilometri quadrati nel nord-ovest della Siria. Sviluppi che hanno dato il via ai festeggiamenti per le strade di Aleppo.

SANA via AP
Truppe governative festeggiano la liberazione, AleppoSANA via AP