ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Anoushka Shankar, dall'India il fascino del sitar arriva in tutto il mondo

euronews_icons_loading
Anoushka Shankar, dall'India il fascino del sitar arriva in tutto il mondo
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

LIONE (FRANCIA) - L'India non è mai stata così vicina, anche dal punto di vista emozionale.
Suoni ipnotici risuonano, infatti, dal sitar di Anoushka Shankar.

La versatile artista indiana, 38 anni, ha recentemente eseguito all'Auditorium di Lione il Concerto per sitar n. 2, accompagnata dall'Orchestre National de Lyon.
Ha presentato i brani del suo repertorio e del suo nuovo disco "Love Letters".

Nel nome del padre (ma non solo)

Composto dal padre Ravi Shankar, il leggendario suonatore di sitar, scomparso nel 2012 a 92 anni, il Concerto per sitar n. 2 unisce la tradizione classica indiana e la musica occidentale.

Euronews
Ravi Shankar (1920-2012), uno dei più celebri e apprezzati musicisti indiani.Euronews
"Suonare la musica di mio padre è un'esperienza molto bella.
Mi immergo di nuovo un po' di più nel cuore e nella mente di mio padre quando suono questa musica. E così qualcosa di lui e del nostro rapporto mi sembra ancora molto vivo...
Al tempo stesso è una musica molto, molto bella".
Anouskha Shankar
Musicista indiana
Euronews
Un momento del concerto di Anouskha Shanker a Lione.Euronews

Questione di... Raga

Il concerto, eseguito per la prima volta nel 1981, si chiama "Raga-Mala" (è anche il titolo dell'autobiografia) di Ravi Shankar).

I Raga sono modelli melodici tradizionali indiani che costituiscono la base di composizioni strumentali e di improvvisazioni.

"I Raga hanno dei personaggi, hanno dei sentimenti, hanno delle associazioni. E così tutti questi Raga hanno molte sfumature", spiega Anouskha Shankar.
"Ci sono momenti della giornata, anche nelle diverse stagioni, che possono essere associati a differenti Raga, a seconda delle loro vibrazioni e sensazioni".

Anouskha Shankar ci presenta il suo sitar preferito, costruito su misura per lei.

Photo Katharina Rabillon
L'artista e il suo sitar. Fatto su misura.Photo Katharina Rabillon

"Il mio sitar preferito, un po' più piccolo..."

"È diventato un po' più piccolo alla base, poi altri sitar sono stati un po' ridotti per agevolare il mio corpo. Io e il sitar ci sedevamo sul pavimento e trovavo che molte parti della base fossero comunque troppo grandi per me... Così ho chiesto che il sitar fosse della mia taglia... Secondo me è bellissimo averlo reso un po' più piccolo, perchè dà un tono molto leggero, luminoso, bello, dolce, un tono che amo molto".

Euronews

"Ho aggiunto un po' più della musica folk indiana..."

"Il mio nuovo disco comprende un po' di più della musica folk dell'India che mio padre amava molto", riprende Anouskha Shankar.
"Così si sentono, per esempio, ritornelli che evocano il Kashmir o il Rajasthan, come tutte le diverse musiche popolari di tutta l'India. E poi, allo stesso tempo, si fa anche molta improvvisazione con il sitar".

"Those words" è un brano che fa parte del nuovo disco di Anouskha Shankar.

"Voglio scoprire chi sono quando compongo musica"

Anoushka Shankar, che è anche compositrice e produttrice, ha trovato il suo percorso, davvero unico.

"Non solo ho imparato da mio padre, sono andata in tour con lui, ho suonato con lui!
E così quando ho iniziato a scrivere da sola, è stata una decisione molto consapevole, volevo scoprire chi sono quando compongo musica".

Euronews
Un particolare del concerto all'Auditorium di Lione.Euronews

"Quando sono ispirata, qualcosa di buono uscirà"

Sulla sua formazione musicale, Anouskha ammette di aver voluto sempre come termine di paragone il livello artistico molto alto raggiunto dal padre.

"Credo di essere stata una vera perfezionista nella formazione e per lo standard della musica di mio padre. Potevo evitare di correre rischi, ma ho voluto farlo... Era qualcosa che dovevo davvero fare, per migliorarmi.

Penso che la cosa più bella dell'ispirazione sia che quando le idee arrivano da sole: quindi mi siedo a suonare", sorride Anouskha, "e ho fiducia che qualcosa di buono uscirà.
E che a mio padre piacerà".

Euronews
Uno splendido primo piano di Anouskha Shanker, durante l'intervista.Euronews

Bonus

Il viaggio personale di Anouskha Shankar nel suo nuovo album.

Buon ascolto!

Anouskha Shanker - feat. Ibeyi: "Lovable"

Anouskha Shanker - feat. Alev Lenz: "Bright Eyes"

Link utili

Sito personale di Anouskha Shanker

L'Auditorium "Maurice Ravel" di Lione

Tutte le puntate di "Musica"

"Making of"

Quando è possibile, è sempre bellissimo vedere il "dietro le quinte" di un'intervista.
In questa foto, siamo negli ultimi momenti di preparazione dell'intervista a Anouskha Shanker.

Photo Katharina Rabillon
Anouskha sembra divertirsi...Photo Katharina Rabillon

"Social Backstage"

Katharina Rabillon, la conduttrice del programma "Musica", è una delle giornaliste più social di Euronews. Ecco, dunque, puntualmente, il suo tweet sul concerto di Anouskha Shanker all'Auditorium di Lione.

Una cartolina da... Lione

Euronews
Cielo plumbeo sulla Cattedrale di St.Jean: saluti da Lione!Euronews