ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Davos: Greta vs Donald

euronews_icons_loading
Davos: Greta vs Donald
Diritti d'autore  AP
Dimensioni di testo Aa Aa

Non sembra provocare imbarazzo agli interessati la querelle a distanza, nemmeno troppo grande, fra l'attivista climatica Greta Thunberg e il presidente americano Donald Trump.

Sapendo di suscitare la reazione dei media e dell'interessato la giovane, invitata a Davos per il secondo annno consecutivo, ha criticato il presidente: "Il fatto che gli Stati Uniti abbiano abbandonato l'accordo di Parigi oltraggia e offende tutti, com'è giusto che sia, ma sembra non preoccupare quelli che hanno il potere".

Parole che non potevano non suscitare una qualche reazione di Donald Trump arrivato nella località svizzera in elicottero per evitare le proteste che come sempre si sviluppano attorno al summit.

Il presidente stavolta, ha però cercato di evitare riferimenti diretti alla giovane per non animare troppo le polemiche: "Siamo in un periodo di grandi speranze, ottimismo e azione, ma dobbiamo abbracciare le possibilità di un bel domani e respingere i profeti del disastro e dell'apocalisse".

Non solo economia in Svizzera dunque. Il Forum Economico Mondiale di Davos quest’anno, ha voluto dedicare più spazio al tema della salvaguardia ambientale, ed è diventato terreno di scontro tra due visioni opposte in tema di cambiamenti climatici.