Carlos Ghosn, mandato d'arresto per l'ex presidente di Nissan-Renault

Carlos Ghosn, mandato d'arresto per l'ex presidente di Nissan-Renault
Diritti d'autore AP
Di Margherita Criscuolo
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Spiccato dall'Interpol. Turchia indaga su passaggio a Istanbul durante la fuga dal Giappone. Francia: "Se torna, non lo estradiamo"

PUBBLICITÀ

Nuovi sviluppi nell’affaire Carlos Ghosn. L'Interpol ha emesso un mandato d'arresto nei confronti dell'ex presidente di Nissan-Renault fuggito in Libano dal Giappone dove si trovava in libertà vigilata su cauzione in attesa di processo per frode industriale e fiscale.

La Turchia ha aperto un’indagine per chiarire se effettivamente Ghosn sia arrivato a Beirut su un jet privato proveniente da Istanbul. Secondo i media turchi, diverse persone sono state interrogate – tra cui quattro piloti – e ci sono arresti.

Intanto la Francia ha fatto sapere, tramite il segretario di Stato all’Economia Agnès Pannier-Runacher, che se Ghosn tornasse in Francia non verrebbe estradato.

In Libano il il manager si sente al sicuro, secondo quanto racconta Ricardo Karam, presentatore televisivo e amico di Ghosn. ”Ha fiducia nel futuro e tanti progetti in cantiere, questo è l’importante. È circondato dalla famiglia e dagli amici. È a casa sua qui, è nel suo paese”, ha dichiarato Karam.

L’ex top manager ha fatto sapere tramite uno dei suoi avvocati che il prossimo 8 gennaio terrà una conferenza stampa a Beirut per raccontare la sua versione dei fatti.

Ghosn è cittadino francese, brasiliano e libanese e nella fuga avrebbe usato uno dei due passaporti francesi in suo possesso.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Renault: 2 miliardi di tagli, a rischio 3 siti in Francia

Carlos Ghosn è uscito da solo da casa sua, Parigi: "Affare riguarda Beirut e Tokyo"

L'ex AD di Nissan-Renault scappa in Libano: "Sono vittima di un'ingiustizia"