ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Aramco vola in borsa

Aramco vola in borsa
Diritti d'autore
REUTERS
Dimensioni di testo Aa Aa

Rimandata per anni, la quotazione di Saudi Aramco ha battuto ogni record. L'offerta pubblica iniziale ha superato i 25 miliardi e mezzo e la compagnia petrolifera saudita ha raggiunto la quotazione più alta di sempre. Il titolo è salito del 10% subito dopo l'apertura delle contrattazioni a Riad.

Ma il risultato viene definito un successo e al tempo stesso un fallimento, perché le azioni del gigante del petrolio non hanno conquistato i portafogli internazionali.

"Secondo molti investitori Aramco non è una buona scelta perché i suoi profitti non sono destinati a durare. L'investimento nel petrolio non viene visto come una strategia sostenibile sul lungo periodo".

L'ipotesi iniziale di quotarsi anche all'estero è stata abbandonata in favore di un esordio più sicuro sul mercato di casa. E i cambiamenti climatici potrebbereo aver fatto la loro parte.

Un decimo del petrolio che arriva sul mercato proviene da Aramco, che però è anche la compagnia più inquinante al mondo. In questa classifica i primi 5 posti - come prevedibile - spettano tutte a giganti petroliferi.

La società saudita annovera fra i rischi proprio il cambiamento climatico: "Nei prossimi anni la domanda di combustibili fossili potrebbe subire un calo - si legge sul prospetto informativo necessario per la quotazione - a causa della pressione crescente sui governi per una risuzione delle emissioni e lo sviluppo di fonti di energia alternativa".

In futuro - avvisa la compagnia - non è escluso che le aree in cui la società opera siano soggette a normative sempre più stringenti. e questo comporterebbe un aumento dei costi o la necessità di un aumento di capitale

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.