EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Regno Unito verso le politiche, avanti i conservatori

Regno Unito verso le politiche, avanti i conservatori
Diritti d'autore 
Di Gioia Salvatori
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Secondo i sondaggi staccano di 10 punti i laburisti. Imbarazzo a sinistra per le parole di un ministro ombra contro Corbyn "con lui non vinceremo mai".

PUBBLICITÀ

A ognuno la sua ruspa. Anche ai britannici. La guida il primo ministro conservatore Boris Johnson che d'altronde non ha mai fatto della sobrietà il suo tratto distintivo. 

Johnson che si ricandida alla carica di premier alle elezioni politiche che si terranno giovedì e ha chiuso in stile teatrale la sua campagna. 

Conservatori 10 punti sopra i laburisti, nei sondaggi

Il partito conservatore nei sondaggi è dato al 43%, Johnson stacca di 10 punti il suo competitor, il laburista Jeremy Corbyn e punta tutto sui delusi di Brexit, quelli che non vogliono aspettare ancora anni prima di uscire dall'Unione. Il suo slogan è "get Brexit done"

"Giovedì, penso che sia giunto il momento per l'intero paese di entrare simbolicamente nella cabina di una ruspa, di uno di questi colossi, e rimuovere l'attuale blocco che abbiamo nel nostro sistema parlamentare. Questo è quello che dobbiamo fare" - ha detto Johnson.

Contro Corbyn il fuoco amico

Si rifugia tra i bambini di una scuola, invece, il segretario laburista Jeremy Corbyn che passa ora difficili dopo che un importante esponente del partito è stato intercettato mentre diceva qualcosa tipo "Con lui leader non vinceremo mai"; si tratta di un ministro ombra dell'ala moderata, Jon Ashworth. Tutto serviva a Corbyn tranne che il fuoco amico mentre i sondaggi lo danno intorno al 33 %.

"`Incoraggio tutti a votare laburista alle elezioni. Abbiamo presentato un manifesto, un programma globale per questo Paese - ha detto Corbyn - È un programma interamente finanziato e metterà fine alle ingiustizie e alle disuguaglianze in Gran Bretagna, investirà nel futuro. Non siamo interessati a coalizioni o voti tattici. Siamo determinati a vincere queste elezioni ".

Terzo partito col 13 % nei sondaggi i libdem, contrari a Brexit dopo il voto potrebbero tentare un'intesa (difficile) in parlamento con i laburisti e insieme forse anche superare i conservatori.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Perché dal 31 gennaio 2020 parleremo ancora di Brexit. E tanto

Johnson vs Corbyn: si chiamano elezioni, ma è il referendum-bis sulla Brexit

Si infiamma la campagna elettorale britannica: attesa per il faccia a faccia Johnson - Corbyn