Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Si infiamma la campagna elettorale britannica: attesa per il faccia a faccia Johnson - Corbyn

Si infiamma la campagna elettorale britannica: attesa per il faccia a faccia Johnson -  Corbyn
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

A Swindon prosegue la campagna elettorale britannica, una nuova tappa in vista del voto anticipato del 12 dicembre. Il leader laburista Jeremy Corbyn torna sui temi di una Brexit no-deal in attesa della sfida tv del 19 novembre, il faccia a faccia con il premier britannico Boris Johnson che ha raccolto il guanto di sfida. .

Per Corbyn non c'è dubbio: si tratta ora di scegliere tra i privilegi di pochi, e un governo laburista che sta dalla parte dei piu' deboli.

"La realtà del no deal è direttamente tra le braccia di Donald Trump , direttamente nelle braccia di un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti, con i loro potere di tutela degli investitori e il loro desiderio di assumere il controllo dei nostri servizi pubblici".

Il premier Johnson, intanto , dopo aver rifiutato l'offerta di un'alleanza elettorale proposta da Nigel Farage, insiste sul fatto che il divorzio dall'Unione sia la soluzione di tutti i poblemi ,l'unico modo per acquisire un'autonomia di cui i cittadini britannici hanno bisogno. Una alleanza tra Tory e il partito Brexit, secondo il premier servirebbe la vittoria sul piatto d'argento ai laburisti.

La campagna elettorala prosegue serrata: per la leader del partito liberaldemocratico britannico , Jo Swinson si tratta di capire "quali sono i nostri valori. E' tempo di capire il percorso per gli anni a venire. E, abbiamo ancora la possibilità di scegliere la strada che dice che rimarremo nell'Unione Europea".

Intanto il partito nazionale scozzese spinge per un altro referendum. Nicola Sturgeon ha detto che l'indipendenza è a portata di mano. "È tempo per la Scozia di scegliere il nostro futuro, e di essere un paese indipendente"