Giallo Russia-Germania: Putin, il georgiano ucciso è uno dei killer della metro di Mosca

Giallo Russia-Germania: Putin, il georgiano ucciso è uno dei killer della metro di Mosca
Diritti d'autore 
Di Giulia Avataneo
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un giallo lega Mosca a Berlino, dopo l'uccisione di un ex comandante ribelle ceceno nella capitale tedesca. Ieri Putin ha rivelato che l'uomo era sospettato di aver partecipato all'attentato nella metro di Mosca del 2010

PUBBLICITÀ

A margine del vertice di Parigi sull'Ucraina emergono nuovi elementi su un giallo che lega la Russia alla Germania dal mese di agosto, l'uccisione di un ex comandante ribelle ceceno ad in un parco a Berlino. Sul caso è intervenuto il presidente Vladimir Putin. In conferenza stampa ha detto che la vittima era a sua volta un killer, coinvolto in fatti di sangue sul territorio russo e di cui Mosca avrebbe chiesto invano l’estradizione.

Da parte nostra abbiamo chiesto più volte alla Germania di estradare questo criminale. Sfortunatamente non abbiamo raggiunto un accordo
Vladimir Putin

Zelimkhan Khangoshvili, 49 anni, è accusato dalle autorità russe di aver partecipato all'attentato nella metropolitana di Mosca, nel 2010, che ha provocato 40 morti e 100 feriti. 

Gli inquirenti tedeschi sostengono di avere le prove che l'assassinio del georgiano, nella loro capitale, sia avvenuto su richiesta della Russia o della Cecenia, i quali hanno sempre negato qualsiasi coinvolgimento. 

In seguito alla vicenda la Germania ha espulso due diplomatici russi. La stessa cosa, minaccia ora Putin, potrebbe avvenire al personale tedesco in Russia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Putin vuole rimpiazzare Wikipedia con una "nuova, grande e affidabile" versione russa

Guerra in Ucraina: colpite infrastrutture energetiche in Russia, almeno due morti a Belgorod

Ucraina, attacco russo a Dnipro: 8 morti, primo sì da Camera Usa per aiuti a Kiev, Israele e Taiwan