EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

L'oceano assedia i frutteti di Spagna

L'oceano assedia i frutteti di Spagna
Diritti d'autore 
Di euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La falda acquifera che alimenta le grandi piantagioni iberiche di frutta e verdura rischia di essere aggredita dall'acqua salmastra che dilaga per via della rivoluzione climatica. Il livello del mare potrebbe crescere di un metro nei prossimi decenni

PUBBLICITÀ

La risalita del livello del mare genera molte problematiche come quella dell'irrigazione nelle piantagioni costiere. Il problema si manifesta gia nel sud ovest della penisola iberica. La pioggia è diventata scarsa qui, così invece di dipendere dall'acqua dal cielo, la si cerca nelle riserve della falda acquifera. È una soluzione che funziona da decenni, ma adesso le maree rischiano di rendere troppo salmastra la falda.

Un problema generale

Il problema non investe solo quest'area. Più della metà delle riserve idriche sotterranee costiere della Spagna vengono invase dall'Altantico. Gli esperti affermano che i cambiamenti climatici stanno causando la dilatazione degli oceani, il che sta peggiorando le cose. L'idrologo Juan de Dios ha notato per la prima volta 12 anni fa che gli agricoltori si trovavano a mal partito. Le falde da cui si pompa l'acqua per i frutteti sono diventate sempre più salmastre ed è improbabile che possano continuare ad essere utilizzate.

Gli espedienti

I contadini di El Ejido stanno ora mescolano l'acqua sotterranea con acqua desalinizzata e con acque reflue urbane purificate. Sperano di contenere la salinità ad un livello tollerato dalle piantagioni ma soprattutto vogliono ricostituire la falda acquifera per trovare un equilibrio col mare.

Le Nazioni Unite affermano che stiamo raggiungendo il punto di non ritorno nella lotta ai cambiamenti climatici. Si prevede che il livello del mare aumenterà fino a un metro entro i prossimi 80 anni. Gli agricoltori qui affermano che la situazione si sta degrandando in fretta e che bisogna agire prima che sia troppo tardi e queste zone diventino non più coltivabili.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Terra avvelenata, il film che denuncia i danni dell'agricoltura intensiva

Spagna, Palma di Maiorca si ribella al turismo di massa

Canarie: proteste sulle isole contro il turismo di massa