Iraq, cinque militari italiani feriti nello scoppio di un ordigno

Forze di sicurezza pattugliano una strada nei dintorni di Kirkuk
Forze di sicurezza pattugliano una strada nei dintorni di Kirkuk Diritti d'autore  REUTERS/Ako Rasheed
Di Euronews Agenzie:  ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Tre sono gravi, ma non sarebbero in pericolo di vita. I militari erano impegnati nell'addestramento di personale a Kirkuk, nell'Iraq settentrionale

PUBBLICITÀ

Cinque militari italiani sono rimasti feriti  nell'esplosione di un ordigno a Kirkuk, nell'Iraq settentrionale.

L'attentato è avvenuto in mattinata, quando una bomba rudimentale è detonata al passaggio di un team misto di Forze speciali italiane in Iraq.

Tre dei militari, che versano in gravi condizioni, hanno riportato lesioni alle gambe. Per uno di loro si è resa necessaria l'amputazione parziale

Il team stava svolgendo attività di addestramento ("mentoring and training") in favore delle forze di sicurezza irachene impegnate nella lotta all'Isis. I cinque militari coinvolti dall'esplosione sono stati subito soccorsi, evacuati con elicotteri statunitensi appartenenti alla coalizione internazionale di stanza nel paese e trasportati in un ospedale mobile dove stanno ricevendo le cure del caso.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sindacato militari: "Missioni anticostituzionali, subito una commissione d'inchiesta"

Iraq: le forze di sicurezza sparano sulla folla

Arrestato a Roma un uomo affiliato all'Isis: usava diverse identità per sfuggire alla cattura