ULTIM'ORA

Cile: continuano proteste e scontri, danni al turismo

Cile: continuano proteste e scontri, danni al turismo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Continuano gli scontri di piazza in Cile dove venerdi migliaia di manifestanti hanno invaso le strade della capitale contro le politiche del governo accusato di provocare l'aumento delle disuguagliaze.

Santiago, Chile November 1, 2019. REUTERS/Henry Romero
Demonstrators take cover during clashes with riot police at a protest against Chile's governmentSantiago, Chile November 1, 2019. REUTERS/Henry Romero

La polizia ha disperso i cortei con gas lacrimogeni e cannoni ad acqua, mentre i manifestanti hanno risposto col lancio di pietre e vernice contro le auto delle autorità. I disordini in Cile vanno avanti da oltre una settimana e hanno provocato almeno 18 morti e 7000 arresti.

Santiago, Chile November 1, 2019. REUTERS/Pablo Sanhueza
Demonstrators run amidst tear gas during a protest against Chile's governmentSantiago, Chile November 1, 2019. REUTERS/Pablo Sanhueza
Santiago, Chile November 1, 2019. REUTERS/Pablo Sanhueza
Demonstrators protest against Chile's governmentSantiago, Chile November 1, 2019. REUTERS/Pablo Sanhueza

Intanto si contano i danni per l'economia e il turismo: "Quella turistica un'industria molto sensibile - ha dichiarato il sottosegretario al Turismo cileno Monica Zalaquett - nelle ultime due settimane abbiamo assistito a un calo del 50% delle prenotazioni negli alberghi cileni - La cosa piu' grave è che, finchè la situazione del paese non si stabilizzerà, non ci saranno nuove prenotazioni".

Le nostre vendite si sono ridotte del 80% - dice questo venditore ambulante - in alcuni casi anche di piu'. Inoltre molti venditori non sono neanche riusciti ad arrivare qui dal momento che le strade sono invase. Mi chiedo come faremo a vivere e a pagare le bollette".

Le imprese cilene denunciano di aver registrato perdine fino a 1 miliardo e mezzo di dollari, solo la metropolitana della città di Santiago ha subito danni per 400 milioni. A fare da detonatore alla protesta, all'inizio di ottobre, è stata la decisione di aumentare il prezzo del biglietto dei trasporti pubblici.

Ben due conferenze internazionali, tra cui quella sul clima sono state spostate a causa dei disordini.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.