EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

L'Ucraina accelera. Vuole entrare nella Nato

L'Ucraina accelera. Vuole entrare nella Nato
Diritti d'autore 
Di Cinzia Rizzi Agenzie:  REUTERS
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Duranta la visita a Kiev del segretario generale dell'Alleanza Atlantica, Stoltenberg, il presidente ucraino ha annunciato passi avanti

PUBBLICITÀ

L'Ucraina è pronta a entrare nella Nato. Ad annunciarlo è stato il presidente Volodymyr Zelensky, durante la visita ufficiale a Kiev del segretario generale dell'Alleanza Atlantica, Jens Stoltenberg. Una visita che segue di pochi giorni la ritirata dal fronte nel Donbass delle truppe ucraine e dei separatisti. Un primo passo fondamentale.

La Russia non deve più sostenere i miliziani separatisti in Ucraina orientale e deve ritirare le sue forze dal territorio ucraino. Presidente Zelensky, mi congratulo con lei, per il suo impegno, perché si trovi una soluzione pacifica.
Jens Stoltenberg
Segretario generale della Nato

Mercoledì, Stoltenberg durante la prima tappa a Odessa, ha visitato anche le navi militari dei Paesi alleati di stanza nel porto ucraino, tra i quali il Numana, della Marina militare italiana.

"Continuiamo anche a rafforzare la sicurezza e la stabilità nella regione del Mar Nero", ha detto il presidente ucraino, durante la conferenza stampa congiunta. "Rafforzeremo la nostra cooperazione e la condivisione delle informazioni, miglioreremo le linee di comunicazione e intensificheremo le esercitazioni congiunte".

La ritirata dell'esercito ucraino e delle forze ribelli filorusse è iniziata questa settimana nella città di Zolote e il piano è quello di fare lo stesso a Petrovske. L'obiettivo è quello di mettere fino a un conflitto che in 5 anni ha già fatto oltre 13.000 morti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Piccoli passi sul conflitto ucraino. Perché l'intesa resta lontana

Ucraina, la bonifica del terreno da mine anti-uomo e munizioni

Russia-Ucraina: i primi frutti dell'accordo sul Donbass