ULTIM'ORA

Periti strage:'resti possono avere nome'

Periti strage:'resti possono avere nome'
'Manca salma di Fresu perché all'epoca i corpi furono mescolati'
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – BOLOGNA, 22 OTT – E’ possibile che il volto
ritrovato nella bara di Maria Fresu sia appartenuto a una delle
sette vittime già conosciute. Lo scrivono nel supplemento di
perizia esplosivistica, Danilo Coppe e Adolfo Gregori, nominati
dalla Corte di assise di Bologna che sta processando Gilberto
Cavallini per concorso nella Strage del 2 agosto 1980, 85 morti
e 200 feriti. I periti ricordano infatti che le analisi del Dna
hanno stabilito che i resti esumati nel cimitero di
Montespertoli (Firenze), in particolare una mano e una parte di
volto con scalpo, non appartengono a Fresu, ma a due donne
diverse. Per il volto i periti citano 7 vittime che hanno avuto
danni al cranio, per la mano ne ipotizzano due. I periti
ribadiscono che all’epoca le ricerche furono fatte con la foga
di trovare i vivi e questo ha prodotto mescolamento di parti
organiche.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.