ULTIM'ORA

Il ritorno nel Caucaso del bisonte europeo. Un progetto del Wwf per salvare la specie

Il ritorno nel Caucaso del bisonte europeo. Un progetto del Wwf per salvare la specie
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Un trasporto a tutti gli effetti eccezionale, quello che per oltre tremila chilometri ha attraversato l'Europa, fino al Parco Nazionale Shahdag, in Azerbaijgian. I passeggeri, partiti dagli zoo di Germania, Francia e Belgio, sono dodici bisonti europei al centro di un progetto di ripopolamento promosso dal WWF con il Ministero dell'Ecologia del Paese asiatico e l'associazione ambientalista IDEA Public Union. L'erbivoro gigante, anche noto come "il saggio", era tipico del Caucaso, ma è praticamente scomparso dai primi decenni del Novecento.

"La varietà di paesaggio che si trova qui, con le steppe, foreste, deserti...è davvero l'habitat ideale per questa e per altre specie che si consideravano estinte", spiega l'esperto Johannes Van Vlasakker.

Si partirà con una popolazione di cinquanta bisonti, che man mano saranno reinserite in semilibertà e monitorate tramite gps.

"Il bisonte è scomparso dal Caucaso molto tempo fa, soprattutto dalla parte meridionale - aggiunge il direttore del Wwf locale, Elshad Askerov - In Azerbaigian, per esempio, non abbiamo neppure più un nome con cui chiamarlo. Da quando è tornato, però, ha attratto molto l'attenzione".

L'obiettivo è di ristabilire, in alcuni decenni, una popolazione di un migliaio di animali, considerati una 'specie ombrello'. La loro protezione serve anche a garantire la sopravvivenza di molte altre specie e del loro habitat.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.