Siria: i rischi dell'offensiva turca per Erdogan, dal Pkk all'Isis

Siria: i rischi dell'offensiva turca per Erdogan, dal Pkk all'Isis
Di Euronews Agenzie:  Reuters
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Stando agli analisti turchi l'operazione, anche se limitata alla creazione di una safe zone nel nord del Paese, costringerà il presidente turco ad affrontare diversi problemi

PUBBLICITÀ

L'offensiva militare della Turchia nel nord della Siria è arrivata al terzo giorno. L'operazione, stando ad alcuni analisti turchi, espone Erdogan a diversi rischi, anche se dovesse limitarsi alla creazione di una safe zone nella striscia di territorio di circa 120 chilometri che comprende le aree strategiche intorno a Ras al-Ain e Tal Abyad.

Un prezzo alto in termini di vite umane potrebbe scatenare critiche in patria, dove la popolarità del presidente turco è in calo a causa della crisi economica che ha fiaccato il paese. Inoltre l'offensiva, stando a Haldun Yalcinkaya, esperto turco in relazioni internazionali, rischia di dare nuovo slancio alle forze curde, in particolare al Pkk in Turchia.

"I militanti curdi stanno riprendendo forza - dice Yalcinkaya -. La Turchia può sconfiggere nuovamente il PKK, ma non può garantire che non continui a tornare".

Un altro problema è legato alla gestione dei circa 11mila miliziani dell'Isis detenuti nei campi controllati dalle forze curde nel nord della Siria.

Leggi anche |Curdi, cento anni di lotte e promesse mancate

"La Turchia ha accettato di assumersi la responsabilità dei prigionieri, di sottoporli a processo e di gestire la loro detenzione - spiega Selcuk Colakoglu, direttore del centro turco per gli studi Asia-Pacifico -. Non in Turchia, ma più probabilmente in prigioni costruite nella 'safe zone'. Si tratterà comunque di un problema in più da gestire sul campo".

Stando all'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria le forze turche finora hanno conquistato una decina di località minori nell'area di Ras al-Ain e Tal Abyad.

Ieri Erdogan ha minacciato di aprire le porte a 3,6 milioni di rifugiati se l'Europa continuerà a bollare l'operazione turca in Siria come un'occupazione militare. Nel 2016 Turchia e Unione europea hanno siglato un accordo per limitare l'arrivo di migranti in Europa lungo la rotta balcanica: Ankara ha accettato di farsi carico della gestione dei migranti in cambio di un finanziamento di 6 miliardi di euro da Bruxelles.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Isis, la Turchia: "Ucciso il capo dell'organizzazione in Siria"

Rappresaglia turca contro i curdi

Turchia distrugge obiettivi del Pkk in Kurdistan dopo l'attentato terroristico di Ankara