Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Brexit, ministro britannico: cittadini europei senza certificato di residenza saranno deportati

Brexit, ministro britannico: cittadini europei senza certificato di residenza saranno deportati
Diritti d'autore
Reuters/McKay/File Photo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo la Brexit, i cittadini dell'Unione europea che vivono nel Regno Unito e che non avranno fatto domanda a tempo debito per lo status di residente saranno espulsi. Lo ha affermato giovedì il Ministro degli Interni britannico, Brandon Lewis.

Chi ha un passaporto di un paese UE ha tempo fino alla fine del 2020 per registrarsi e ottenere la residenza permanente: una sorta di certificato che, secondo i piani, garantirà gli stessi diritti goduti attualmente - anche in caso di uscita dal blocco dei 27 senza accordo.

Se si trovasse un'intesa tra Londra e Bruxelles, invece, i cittadini UE avranno tempo fino al 30 giugno 2021.

"Se saranno registrati entro questa data e non saranno adeguatamente giustificati, si applicheranno loro le norme in materia di immigrazione", le parole di Lewis al quotidiano tedesco Die Welt_._ Tradotto: saranno "perseguibili per il soggiorno illegale nel paese e soggetti a misure di esecuzione, detenzione e deportazione".

Secondo gli ultimi dati dell'Ufficio nazionale di statistica (ONS), nel Regno Unito risiedono circa 3,6 milioni di cittadini europei. Alla data del 31 agosto 2019, oltre 1,3 milioni di loro avevano presentato domanda - assieme ai membri del nucleo familiare - per il Settlement Scheme.

Il gruppo di attivisti The3Million ha criticato l'uscita del ministro dell'Interno dicendo che "non è questo il modo di trattare le persone".

"Non è troppo tardi per fermare questa follia di trasformare i cittadini rispettosi della legge in residenti illegali". Il collettivo ha invitato l'esecutivo Johnson a concedere automaticamente lo status di residente nel Regno Unito invece di farlo solo su richiesta.

Stuart McDonald, portavoce per l'immigrazione dello Scottish National Party, è un altro sostenitore della concessione automatica della residenza permanente ai cittadini UE.

"Finalmente un ministro dell'Interno che conferma pubblicamente le scandalose implicazioni di questo programma. Inevitabilmente, sarà la sorte di centinaia di migliaia di persone", le sue parole su Twitter.

Diane Abbott, segretaria all'interno per il governo ombra del partito laburista, sostiene che "le minacce dei ministri sul fatto che i cittadini UE potrebbero venire deportati sono in completa violazione di tutte le assicurazioni fatte finora dal governo. È profondamente preoccupante per le persone che sono venute qui in buona fede e che contribuiscono così tanto alla nostra società", ha scritto in un comunicato.

Rispondendo alle critiche che gli sono piovute addosso, Lewis ha scritto su Twitter che le sue "parole sono state estapolate dal contesto. I cittadini UE hanno almeno fino a dicembre 2020 e sono disponibili molti aiuti per inoltrare la domanda".