Dalì e Magritte, incontro 100 anni dopo. A Bruxelles la più grande mostra dei due surrealisti

Dalì e Magritte, incontro 100 anni dopo. A Bruxelles la più grande mostra dei due surrealisti
Diritti d'autore — René MAGRITTE – "L'Annonciation" (1930) | Tate Gallery, London, Purchased from Thomas Gibson Fine Art (Grant-in-Aid) with assistance from the Friends of the Tate Gallery (1986) | © 2019, Succession Magritte c/o SABAM © Tate, London 2019
Di Giulia Avataneo
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dalì e Magritte, incontro 100 anni dopo. A Bruxelles la più grande mostra dedicata ai due surrealisti

PUBBLICITÀ

René Magritte e Salvador Dalì, due pesi massimi del movimento surrealista. A quasi un secolo dal loro primo incontro, a Parigi, una mostra li racconta, mettendoli in relazione, al Museo reale delle Belle Arti di Bruxelles dall’11 ottobre al 9 febbraio.

“Dalì e Magritte” raccoglie più di cento opere dei due artisti, prestate da 40 tra musei e collezioni private di tutto il mondo.

Per la prima volta sono protagonisti di una mostra monografica insieme - dice Michel Draguet, direttore del museo e curatore dell'esposizione - Non vogliamo raccontare chi tra i due ha influenzato o insegnato qualcosa all’altro. Si tratta piuttosto di un flirt tra due persone tra cui non ci aspetteremmo nessuna attrazione. Hanno idee opposte, appartengono a mondi lontani, hanno radici e un’educazione diversa”. 

Quella vacanza a Cadaqués

Dopo il primo incontro, nella capitale francese, Magritte con altri esponenti surrealisti raggiunge la riviera catalana, nell'estate del '29, per una vacanza a casa di Dalì, che ispirerà alcune opere del belga. Anche se in seguito le loro strade si separano, non i due non smettono mai di guardarsi da lontano, in un continuo gioco - oggi proposto al pubblico - di rimandi e citazioni. Come l'ossessione per l'occhio, il ricorso al paesaggio infinito, gli oggetti in fiamme e il busto femminile, usato da Magritte e ripreso da Dalì.  

Salvador DALÍ – « La mémoire de la femme-enfant » (1932) | Collection of the Dalí Museum St. Petersburg, FL (USA), Gift of A. Reynolds & Eleanor Morse, inv. 2000.11 | © Salvador Dalí, Fundació Gala-Salvador Dalí, (SABAM), 2019

"Il loro temperamento non poteva essere più distante - aggiunge Draguet - Piccolo borghese il belga, dal carattere riservato; agli antipodi il catalano, con la sua vita barocca, trasformata in una pubblicità continua. Magritte non poteva soffrire questo lato di Dalì". Eppure, il pittore di Bruxelles è diventato a sua volta un'icona - anche se in età più avanzata - grazie al suo cappello a bombetta. 

Ciò che più li accomuna, oltre alla ricerca pittorica dell'inconscio, è la capacità di calarsi nei meccanismi della modernità e del sistema mediatico, che entrambi hanno saputo sfruttare per far conoscere la loro idea di arte e l'intero movimento surrealista, ancora oggi tra le correnti pittoriche più apprezzate.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Prado mette in mostra le pittrici italiane dimenticate del XVI secolo

Lucian Freud in mostra a Londra

Francia, il Musée Grévin di Parigi rafforza la sicurezza per gli attivisti ambientali