Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Operazione Yellowhammer, parlamentari infuriati: "Dovremmo essere in Parlamento"

Operazione Yellowhammer, parlamentari infuriati: "Dovremmo essere in Parlamento"
Diritti d'autore
UK Parliament/Jessica Taylor/Handout via REUTERS
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

I parlamentari britannici, ma anche anche soprattutto i cittadini del Regno Unito, sono rimasti indignati dalla pubblicazione del rapporto sull'Operazione Yellowhammer, il documento di cinque pagine che descrive lo scenario peggiore possibile in caso di "No Deal Brexit".
Dopo la sospensione del Parlamento per cinque settimane, un'altra bufera sul governo di Boris Johnson.

"Dobbiamo confrontare ciò che i ministri hanno detto con ciò che è effettivamente lo Yellowhammer, perché sono scettico sul fatto che alcune delle dichiarazioni fatte al Parlamento corrispondano a ciò che c'è effettivamente nel documento.

Ecco perché siamo così arrabbiati che il Parlamento sia stato chiuso, perché ora dovrei essere in Parlamento, con la possibilità di interrogare il primo ministro e i ministri".
John McDonnell
Parlamentare Partito Laburista inglese
John McDonnell, parlamentare del Partito Laburista.

I Tory hanno provato a sdrammatizzare le rivelazioni dell'Operazione Yellowhammer, definendo il rapporto come qualcosa che può effettivamente prevenire gli effetti peggiori di una Brexit senza accordo.

"I documenti sullo Yellowhammer sono lo scenario peggiore", commenta Michael Gove, Chancellor of the Duchy of Lancaster e ministro degli Affari Costituzionali.

"Sono prodotti in modo che il governo possa prendere misure per mitigare qualsiasi di queste conseguenze, e nel corso delle ultime sei settimane questo governo ha fatto notevoli passi avanti per assicurare che possiamo andarcene dall'Europa nel modo più sicuro e fluido possibile. Ma possiamo assicurarvi che stiamo lavorando duramente per arrivare ad un accordo".

MIchael Gove, ministro britannico degli Affari Costituzionali.

Tra i cardini dell'Operazione Yellowhammer, il rischio di controlli doganali, ritardi nella consegna di merci, carenza di alimenti freschi e di medicinali.
Sono molte le preoccupate famiglie inglesi che stanno facendo scorta di generi alimentari a lunga scadenza.

Sull'aiuto che si può dare al governo inglese per uscire da questa impasse, il dottor David Nicholl, neurologo e spesso ospite in talk-show, è deluso.

"Quando persone come me, esperti di vari settori, offrono volontariamente i loro consigli al governo, sarebbe bello essere ascoltati... Non sono verità assolute, ma nostre opinioni... Eppure il governo è rimasto fermo alle proprie decisioni.
Non ho idea se le proposte che ho fatto a marzo sono state prese in considerazione... Anche il Royal College of Physicians ha tentato un approccio per un aggiornamento del Yellowhammer, ma sono state solo parole. Non credo che il governo abbia intenzioni di ascoltare gli esperti
".

Il dottor David Nicholl durante il collegamento con Euronews.

Il documento sull'Operazione Yellowhammer ammette che proteste e manifestazioni potrebbero verificarsi in tutto il Regno Unito, con un aumento dei disordini pubblici.
Come sta già accadendo.

Euronews spiega...con un video.

Che cos'è l'Operazione Yellowhammer?