ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Pasolini fa "scuola" nel suo Friuli

Pasolini fa "scuola" nel suo Friuli
Dimensioni di testo Aa Aa

CASARSA DELLA DELIZIA (PORDENONE, ITALIA) - Pasolini e Casarsa della Delizia, un connubio forse ancora più forte di quello che lo scrittore ebbe con Bologna e con Roma.
È comunque qui che Pasolini ha mosso i primi passi e ha trovato rifugio, e il Friuli l'ha fortemente influenzato. Ed è a Casarsa che, nel Centro Studi Pasoliniani, si è tenuta la prima "Summer School" italiana, pronta a replicare nel 2019.

La seconda edizione ha preso il via ufficialmente mercoledì 11 settembre, organizzata dal Centro Studi Pasolini per offrire a ricercatori e studenti universitari italiani e stranieri l’occasione di un percorso di approfondimento, al più alto livello accademico, sull’opera dello scrittore, poeta e cineasta, che continua ad essere al centro dell’attenzione di studiosi, critici ed artisti in tutto il mondo.

Studenti e dottorandi insieme, tra gli altri, ad una dei due curatori della Scuola estiva, Lisa Gasparotto.

L’iniziativa, che è realizzata con il sostegno del Comune di Casarsa, della Regione Friuli-Venezia-Giulia e della Fondazione Friuli, è curata da Lisa Gasparotto (Università di Milano-Bicocca) e Paolo Desogus (Sorbonne Université, Parigi), in collaborazione con l’Équipe littérature et culture italiennes dell’Università Sorbonne di Parigi, con l’Università degli Studi di Trieste e con la Società per lo studio della modernità letteraria (MOD),

Un momento dell'inaugurazione della "Summer School":

A inaugurare la scuola, insieme al Presidente del Centro studi Piero Colussi, l’assessora regionale alla cultura Tiziana Gibelli, colpita “dalla passione e dall’interesse per Pasolini” da parte di giovani che non ne hanno potuto vivere la contemporaneità” e la sindaca di Casarsa Liviana Clarotto, che ha sottolineato l’impegno del comune affinché “si continui a parlare di lui, che tanto ha dato alla nostra comunità” e parallelamente si sostengano gli studi scientifici sulla sua opera.

Per informazioni: www.centrostudipierpaolopasolinicasarsa.it

Flavia Leonarduzzi (consigliera Centro studi), Lavinia Clarotto (sindaca di Casarsa), Piero Colussi (Pres. Centro studi) e Tiziana Gibelli (assessora regionale alla cultura).