Il premier Conte al secondo giro di valzer

Il premier Conte al secondo giro di valzer
Di Paolo Alberto Valenti
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il garante del tramontato patto di governo giallo-verde era stato accolto con freddezza dalla stampa italiana. Il suo stile poi si è imposto in modo risoluto. Riuscirà a guidare con più fortuna il nuovo esecutivo?

PUBBLICITÀ

Quando, nel maggio 2018, il suo nome è arrivato sul tavolo del presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella, perchè indicato dai 5 Stelle come nuovo premier, Giuseppe Conte (nato l’8 agosto 1964 a Volturara Appula, provincia di Foggia), venne bollato da certi media italiani come un uomo senza qualità, nonostante un curriculum di tutto rispetto al quale in tanti cercarono di fare le pulci. La copertina che fece il settimanale l'Espresso gli diede il nick name di Conte Zelig.

La memorabile ramanzina contro il ministro rottamatore

Dopo aver fatto una sonora pubblica ramanzina dai banchi del governo all'indirizzo del ministro guastatore Matteo Salvini, che ha rottamato il governo giallo-verde ai primi di agosto, Conte è diventato una star di prima grandezza, maggiormente apprezzato anche dagli italiani che fino ad allora lo vedevano solo come un esecutore, un notaio.

Una forte fede cattolica e una buona preparazione

Originario della città di Foggia, Conte è uno stimato professore universitario di forte fede cattolica, molto vicino a quella formidabile Fondazione di Villa Nazareth che da decenni va a caccia di giovani talenti, spesso figli di famiglie italiane non benestanti per sostenerli negli studi.

Un cv internazionale

Laureato in Giurisprudenza nel 1988, ha seguito la specializzazione a Yale e presso la New York University. È un avvocato civilista, professore ordinario di diritto privato all'Università di Firenze e alla Luiss di Roma.

Non svolgerà più un ruolo da notaio

Conte non si esibirà più come il garante di un patto di governo: dopo le prove generali di 14 mesi col precedente esecutivo cambia registro e se tutto va bene svolgerà un ruolo integrale da premier avendo anche ricevuto l'endorsment del presidente USA Donald Trump che gli ha rappresentato la sua stima con un tweet.

"L'uomo senza qualità" ha dimostrato di avere delle qualità ed ha già conquistato quel rispetto internazionale di cui l'Italia ha molto bisogno.

La curiosità

Giuseppe Conte è devoto di Padre Pio da Pietralcina.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Governo, "passi avanti" nel vertice di sabato

Dalle Baleari a Bacoli, il messaggio in bottiglia percorre duemila miglia

Italia Paese più vecchio d'Europa: preoccupati gli economisti