ULTIM'ORA

Brexit: Merkel "morbida" con Johnson, ma Macron sarà "spigoloso"

Boris Johnson e Angela Merkel: vicini o lontani ad un accordo?
Boris Johnson e Angela Merkel: vicini o lontani ad un accordo? -
Diritti d'autore
REUTERS/Axel Schmidt
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

BERLINO (GERMANIA) - Boris Johnson scende dalla berlina tedesca e riceve un caloroso benvenuto da Angela Merkel, durante il suo primo viaggio all'estero, a Berlino, come Primo Ministro britannico.

REUTERS/Fabrizio Bensch
A Berlino, su una berlina tedesca.REUTERS/Fabrizio Bensch

Ed è una visita che sembra aver prodotto il primo accenno di un compromesso per la Brexit.

La sorpresa arriva nel bel mezzo dell'incontro bilaterale: la Cancelliera tedesca ha lanciato a Johnson una sorta di sfida: ce la facciamo in 30 giorni a trovare una soluzione al backstop del confine irlandese in modo da agevolare la rinegoziazione della Brexit?

Dopo settimane di tensione diplomatica con il premier britannico, che insiste sul fatto che Londra lascerà l'Unione Europea il 31 ottobre, con o senza accordo, Angela Merkel ha ribadito che il destino del Regno Unito dipende solo da se stesso.

"Il backstop è sempre stata una soluzione di ripiego, se troviamo una soluzione migliore, mettiamola in pratica!
E' stato detto che probabilmente la troveremo nei prossimi due anni, ma forse potrebbero bastare i prossimi 30 giorni.
Perché no?"
Angela Merkel
Cancelliera Germania
REUTERS/Axel Schmidt
Chi nell'ombra di chi?REUTERS/Axel Schmidt
"Togliere il backstop, e poi lavorare, come dice la Cancelliera Merkel, sugli accordi alternativi...
Ci sono possibili soluzioni in abbondanza, di cui peraltro abbiamo già discusso.
Per essere onesti, non credo che le proposte fatte dal governo britannico negli ultimi tre anni siano state veramente prese in considerazione e ora l'Europa dice che l'onere di trovare una soluzione ricade comunque su di noi".
Boris Johnson
Primo Ministro Regno Unito

Un'apertura di uno spiraglio diplomatico da parte di Angela Merkel, ma altresi un ulteriore pressione su Boris Johnson per trovare una autentica soluzione al confine irlandese.

Il nodo backstop

"Ci sono due posizioni ed entrambe sono corrette", dichiara Angela Merkel in conferenza stampa a Berlino.
"Prima di tutto il Regno Unito vuole lasciare l'Unione Europea. Seconda cosa, l'accordo del venerdì santo (che ha consentito la pacificazione con gli irlandesi, ndr) deve essere preservato e rispettato. Questo non lo dice solo il Regno Unito, ma anche gli altri Stati membri - e la Repubblica d'Irlanda continuerà a esserlo - e questo è parte della posizione europea. Dobbiamo in qualche modo mettere assieme le due posizioni. Cosa che non sembra facile, ma dobbiamo farlo, dobbiamo trovare una soluzione".

"Il Regno Unito non incrementerà in nessun modo i controlli, i controlli sulle merci o qualsiasi altro tipo di controllo lungo il confine dell'Irlanda del Nord", ribatte Boris Johnson.
"Voglio che questo sia molto chiaro. Penso che ci siano dei modi per proteggere l'integrità del mercato unico europeo senza fare controlli di questo tipo al confine e questo è quello su cui dobbiamo lavorare".

Tappa "spigolosa" a Parigi

La prossima tappa del tour europeo di Johnson è Parigi, dove oggi l'accoglienza potrebbe essere meno accomodante che a Berlino.

Il Presidente Emmanuel Macron ritiene, infatti, che la rinegoziazione dell'accordo raggiunto con l'ex premier Theresa May non è possibile.
Secondo l'Eliseo, la "No Deal Brexit" è ormai inevitabile.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.