Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Bolsonaro dà buca al ministro francese per andare a tagliarsi i capelli

Bolsonaro dà buca al ministro francese per andare a tagliarsi i capelli
Diritti d'autore
REUTERS/Adriano Machado
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Evidentemente la cura del proprio look sta più a cuore a Bolsonaro rispetto all'emergenza climatica. Il presidente brasiliano ha infatti annullato all'ultimo minuto il suo incontro con il ministro francese degli Affari Esteri, Jean-Yves Le Drian, "per problemi nell'agenda personale".

Qualche istante più tardi, il leader di estrema destra è apparso in diretta su Facebook sulla poltrona del barbiere mentre si faceva tagliare i capelli.

Jair Bolsonaro non si è giustificato ufficialmente, ma i critici hanno giudicato la mossa come una maniera tutta personale (qualcuno direbbe anche infantile) di riaffermare una certa superiorità rispetto alla Francia. Tra i due Stati sono molte le ragioni del contendere, soprattutto in materia ambientale.

Due settimane fa, in una colazione di lavoro con i giornalisti stranieri, Bolsonaro aveva già espresso la sua diffidenza per questo incontro in calendario con Le Drian, arrivando a definirlo erroneamente "Primo Ministro".

"Lo riceverò, se non sbaglio, per discutere di questioni ambientali. Non ha alcun interesse a venire a darci delle lezioni, altrimenti vedrà con chi ha a che fare", è stato l'avvertimento del presidente brasiliano lunedì mattina, poco prima di cancellare il rendez-vous con Le Drian, in tour in America Latina. "Non deve mancarmi di rispetto. Dovrà capire che il governo brasiliano è cambiato. La sottomissione dei precedenti capi di stato al primo mondo non esiste più", ha aggiunto Bolsonaro, visibilmente irritato.

Dal canto suo, sull'agenda del ministro francese figurava non solo il nome di Bolsonaro, ma anche quello del suo omologo, Ernesto Araujo: all'ordine del giorno anche l'accordo commerciale tra l'Unione Europea e il Mercosur.

Qui è possibile leggere il programma della visita di Le Drian in Cile e Brasile (dal 25 al 30 luglio): vi figura ancora il nome di Bolsonaro. Evidentemente il taglio di capelli imprevisto del capo di Stato brasiliano ha scombinato un po' i piani e contribuito a rendere più tesi i rapporti diplomatici tra i due Paesi.

Per approfondire: Una "minaccia per l'agricoltura europea": l'accordo con il Mercosur è una polpetta avvelenata?

Citando fonti diplomatiche, il quotidiano Folha di S. Paulo riferisce che "le ripercussioni di questo gesto sono state orribili e potrebbero avere un impatto sul processo di ratifica dell'accordo di libero scambio tra Mercosur e Unione Europea". Il testo comprende un capitolo sullo sviluppo sostenibile e "la gestione e la conservazione sostenibile delle foreste, il rispetto dei diritti dei lavoratori e la promozione di una condotta responsabile delle imprese".

I paesi membri di entrambe le organizzazioni devono inoltre impegnarsi a rispettare l'accordo di Parigi sul clima, dal quale Bolsonaro ha minacciato di ritirarsi poco dopo la sua elezione.

Le Drian aveva chiesto un incontro proprio per parlare di questa "novevole inversione di tendenza" da parte del presidente brasiliano. Il ministro francese ha sottolineato che per la ratifica non si devono superare le "linee rosse": "il pieno rispetto dell'accordo di Parigi, la tutela dell'ambiente e delle norme sanitarie, la protezione dei nostri settori".

Bolsonaro è notoriamente scettico sul riscaldamento globale. Di recente ha protestato contro i dati ufficiali che mostrano un recente aumento della deforestazione nella foresta Amazzonica e ha chiesto, la prossima volta, di essere avvertito prima che vengano resi pubblici.