EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Brasile: marea umana contro i tagli all'istruzione e il governo Bolsonaro

 Sao Paulo, Brazil May 15, 2019. REUTERS/Amanda Perobelli
Sao Paulo, Brazil May 15, 2019. REUTERS/Amanda Perobelli Diritti d'autore D. R.
Diritti d'autore D. R.
Di Paola Cavadi
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Si tratta della prima manifestazione di piazza organizzata contro il governo Bolsonaro dal suo insediamento a gennaio. Centinaia di migliaia di studenti, professori e ricercatori sono scesi in piazza in 170 città brasiliane per chiedere al governo un passo indietro. Protestano anche i rettori.

PUBBLICITÀ

Una marea umana ha invaso le strade di 170 città in Brasile per dire no ai tagli all' università annunciati dal Governo Bolsonaro. 100 mila studenti, professori e ricercatori solo nella capitale, San Paolo, altrettanti a Rio de Janeiro, per citare le città piu' importanti, hanno dato il "la" alle prime mobilitazioni di massa dall'insediamento, a gennaio, del nuovo esecutivo.

Sao Paulo, Brazil May 15, 2019. REUTERS/Amanda Perobelli

"Di fronte al taglio di fondi alle università federali, dobbiamo fare rumore - dice questa studentessa - la gente deve dimostrare quanto è importante l'educazione: ci sono soldi per l'esercito ma non per l'università, la gente combatterà per l'istruzione".

Sao Paulo, Brazil May 15, 2019. REUTERS/Amanda Perobelli

I TAGLI ANNUNCIATI DAL GOVERNO

Un miliardo e 700 milioni di reais, pari a circa 380 milioni di euro, in meno: Un taglio del 25% delle spese discrezionali, cioè quelle non obbligatorie come il pagamento delle bollette di acqua e luce, l'acquisto di materiale pedagogico e i contratti esterni. Le spese discrezionali previste per il 2019 rappresentano il 13,83% del totale del budget delle università.

Sao Paulo, Brazil May 15, 2019. REUTERS/Amanda Perobelli

IL PROGETTO DI RIFORMA DI BOLSONARO

"Sono"utili idioti " - ha dichiarato Bolsonaro dal Texas - imbecilli, strumentalizzati da una minoranza astuta presente in molte università federali in Brasile".

Da tempo si discute su quali siano le reali intenzioni di Bolsonaro in materia di formazione e istruzione. Secondo il quotidiano francese Liberation, il presidente brasiliano non intende sopprimere, come sostengono alcuni, le facoltà di sociologia e filosofia, considerate dalla destra di governo dei centri di diffusione di una "cultura di matrice marxista", bensi' "decentralizzare" i fondi, spostandoli su altre facoltà come veterinaria, ingegneria e medicina.

L'APPELLO DEI RETTORI CONRO I TAGLI

A fianco degli studenti scendono anche i tre rettori delle principali università di San Paolo con un appello per chiedere al governo di ripensarci. "Ridurre il budget delle università rappresenta un errore strategico", dicono, "che impedirà al paese di affrontare le sfide che ha di fronte".

A San Paolo, al termine delle manifestazioni, alcuni studenti hanno dato fuoco a un autobus prima di essere dispersi con pallottole di gomma dalla polizia.

Sao Paulo, Brazil May 15, 2019. REUTERS/Amanda Perobelli
Sao Paulo, Brazil May 15, 2019. REUTERS/Amanda Perobelli
Sao Paulo, Brazil May 15, 2019. REUTERS/Amanda Perobelli
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Brasile: la colpa della marea nera è della petroliera "Bouboulina", ma l'armatore nega

Bolsonaro dà buca al ministro francese per andare a tagliarsi i capelli

Greenwald rischia il carcere in Brasile dopo ordinanza del guardasigilli Moro