Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Venezia: allarme da troppo turismo

Venezia: allarme da troppo turismo
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Da sempre considerata dai turisti di tutto il mondo una meta indiscussa, ora Venezia sembra perdere un po’ di punti. Troppi turisti e degrado. Record di multe e sanzioni, quest'estate più che in passato, nei confronti di coloro che non rispettano le regole del posto. Insomma tempi duri per la Laguna con i suoi 20 milioni di visitatori all’anno.

Senza contare le polemiche sui giganti del mare, dopo che lo scorso mese, una nave da crociera aveva sfiorato Riva Sette Martiri a causa del maltempo. Per un attimo si era temuto che si potesse ripetere l'incidente del 2 giugno quando un’altra imbarcazione aveva speronato un battello ormeggiato nel canale della Giudecca. Episodi che avevano fatto esplodere la rabbia dei residenti al grido di Venezia ormai è diventata come Disneyland.

Over-tourism: i lati positivi e quelli negativi

Secondo Jeremy Smith, un opertatore turistico, ci sono troppi visitatori concentrati nei mesi estivi, per il semplice fatto che ci sono offerte per viaggi brevi e a basso costo. Intanto i commercianti cercano di sfruttare l’occasione senza tuttavia approfittarne per aumentare i prezzi. Come questo ristoratore che, fiero dei suoi piatti, assicura di non aumentare nemmeno di euro quello che offre sulla tavola.

Venezia è tra le città d'arte italiane più danneggiate dal cosiddetto turismo mordi e fuggi. Un fenomeno che, negli ultimi anni, ha raggiunto proporzioni enormi tanto da indurre alcuni amministratori locali a proporre il daspo urbano per chi non si comporta in modo civile.

L'amministrazione corre ai ripari. Tra i divieti previsti dal nuovo regolamento quelli di girare in costume (o in abbigliamento balneare) e consumare cibo e bevande sulle scalinate cittadine o nelle piazze. Un monito che viene ricordato anche dalle guide turistiche ai gruppi che accompagnano in giro per le calle e i ponti.

Come fanno notare in molti, qui a Venezia, il vizio più diffuso tra i turisti è di tuffarsi nella acqua del Canal Grande. Una bravata che può costare fino a 500 euro di multa. Oppure bivaccare ai piedi del Ponte di Rialto come se si fosse in un campeggio estivo con tenda al seguito. Un comportamento che può costare fino a 1000 euro.

Traffico, inquinamento, rumore, rifiuti, i lati negativi dell’overtourism sono diversi. Non solo aumentano i costi degli affitti e della vita per i residenti ma non sarebbero nemmeno un affare per i turisti stessi, che spesso restano delusi nelle loro aspettative.