Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Presidente dell'OL, Aulas: "Calcio femminile un grande orgoglio"

Presidente dell'OL, Aulas: "Calcio femminile un grande orgoglio"
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Il sogno sta per diventare realtà. La Coppa del Mondo di calcio femminile entra nel vivo. Questa settimana si giocano le seminifinali e domenica la finalissima a Lione, sede dell'Olympique Lyonnais femminile, oltre che maschile. Una squadra fortissima che lo scorso maggio ha vinto la Champions League per la sesta volta. Il suo Presidente, Jean-Michel Aulas, è una delle figure più influenti del calcio.

Cyril Collot, euronews: “Le società femminili si sono evolute, molti dei maggiori club europei stanno seguendo le sue orme, creando anche squadre di ragazze, come il Real Madrid. Questo sport è diventato più professionale. Secondo lei questa Coppa del mondo può essere un punto di svolta per il calcio femminile?”

Jean-Michel Aulas, Presidente dell’Olympique Lyonnais: “Questo è un punto di svolta per molti settori: da un lato questo sport è diventato sempre più prefessionale e la sua nuova esposizione mediatica, attraverso anche la televisione, è molto importante e sta portando le squadre nazionali ad avere sempre maggior successo e visibilità. Quindi non hanno altra scelta che migliorare. Questo dimostra che il calcio femminile crea nuove sponsorizzazioni e opportunità quasi paragonabili al calcio maschile.”

PROBLEMI ATTUALI E PROSPETTIVE FUTURE

euronews: "Questa è anche la Coppa del Mondo delle rivendicazioni: due sue ex giocatrici, le americane Megan Rapinoe e Alex Morgan, hanno chiesto lo stesso trattamento dei colleghi maschi in termini di soldi. Stanno discutendo anche con la Federazione. Cosa ne pensa delle loro affermazioni?”

Jean-Michel Aulas , Presidente dell’Olympique Lyonnais: "Hanno ragione a rivendicare diritti, ed è per questo che queste due giocatrici eccezionali sono venute qui a Lione; questo significa che siamo stati in grado di soddisfare le loro aspettative in questo momento. Le loro dichiarazioni sono in linea con i tempi. Devono ovviamente essere prese in considerazione anche se non siamo obbligati a rispondere sempre di sì a tutte. Dobbiamo trovare regole in fatto di maggiore uguglianza anche per quanto riguarda gli ingaggi e la parte economica."

TECNICA E TATTICA INVIDIABILE

euronews: “Parliamo un po' del gioco e della competizione. Lo stadio in cui si svolgerà la finale è proprio accanto a noi. Cosa ne pensa del livello di gioco che abbiamo visto finora in questo Mondiale?”

Jean-Michel Aulas , Presidente dell’Olympique Lyonnais: “Questa competizione è diventata sempre più importante grazie alla professionalità delle giocatrici: le prestazioni atletiche non hanno nulla a che vedere con l'ultima Coppa del Mondo. Il livello delle calciatrici continua a migliorare, soprattutto in termini tecnici. E poi a livello tattico, come ho spesso ribadito, le donne sono spesso superiori agli uomini. Si può dire che il livello di questa Coppa del Mondo è eccezionale, e non a caso il pubblico si è reso conto di questo e tutti gli stadi sono pieni.”

euronews: “Presidente Aulas non le chiederò chi potrebbe vincere. Vorrei un suo parere sul calcio femminile dopo questi Mondiali.”

Jean-Michel Aulas Presidente Olympique Lyonnais: "Per continuare a fare progressi, la FIFA deve promuovere la programmazione delle partite con un calendario internazionale coerente. A livello europeo, dobbiamo essere in grado di avere competizioni identiche a quelle del settore maschile, con turni preliminari e finali che offrono più partite. A livello internazionale, e qui invio un messaggio al presidente della FIFA, Gianni Infantino, dobbiamo essere in grado di creare una Coppa del Mondo per donne, proprio come per gli uomini. Non chiedo questo solo per la mia squadra. Ma anche per gli altri grandi club che hanno fatto un grande sforzo per avere una squadra femminile. Sarebbe davvero una cosa meravigliosa.”