ULTIM'ORA

Francia 2019, Phil Neville sfida le superstar americane: "Mai dire mai"

Phil Neville, commissario tecnico dell'Inghilterra
Phil Neville, commissario tecnico dell'Inghilterra
Dimensioni di testo Aa Aa

Tutto dice "Stati Uniti" nel pronostico della prima semifinale dei Mondiali femminili di calcio Francia 2019. Ma l'Inghilterra non è battuta in partenza, anzi.

Phil Neville guida l'allenamento delle inglesi.

La squadra inglese del commissario tecnico Phil Neville - unico calciatore uomo di livello internazionale che ora allena tra le donne - è decisa a vendere cara la pelle. Anche perchè all'orizzonte c'è un obiettivo storico: la prima finale!

Non sarà facile, certo che no: sembra quasi impossibile. Le americane sono sembrate una macchina da guerra in questo Mondiale e, anche storicamente, su 8 edizioni della Coppa del Mondo femminile, 8 volte sono arrivate in semifinale e 4 volte in finale.

Anche le inglesi hanno guadagnato una semifinale, nella loro storia, proprio nella scorsa edizione 2015, sconfitte, però, per 2-1 dal Giappone, poi battuto a sua volta in finale dagli Usa.

Chi andrà in finale?

Anche i precedenti parlano a favore degli Usa: nelle ultime 5 sfide, le inglesi hanno vinto solo una volta, a fronte di 3 vittorie statunitensi e un pareggio.

Infine, una sola volta le due squadre si sono affrontate in una fase finale della Coppa del Mondo: accadde nel 2007, finì 3-0 per gli Usa.
Favori del pronostico tutti "a stelle e strisce", ma - come dicono gli inglesi - "never say never", cioè "mai dire mai".

C'è molta Inghilterra negli States....

I maestri del calcio sono sempre stati, anche per autodefinizione, gli inglesi: non a caso, anche la selezionatrice degli Stati Uniti Jill Ellis è inglese. Aveva solo 16 anni quando con i genitori partì da Portsmouth per raggiungere l'altra sponda dell'Atlantico.
Anche per giocare e per insegnare calcio.

E non a caso, nella NWSL - la lega americana di calcio femminile - ci sono ben sei allenatori inglesi: Richie Burke (Washington), James Clarkson (Houston), Laura Harvey (Utah), Mark Parsons (Portland), Paul Riley (North Carolina) e Marc Skinner (Orlando).
Eppure è il movimento americano a dettare legge. Forse grazie proprio ai tecnici d'Oltre Manica....

Il "Groupama Stadium" di Lione.

Le stelle della semifinale

Tra le fila della nazionale Usa campione in carica, c'è grande attesa per Alex Morgan - che a Lione ha giocato con la maglia dell'Olympique Lyonnais - e per Megan Rapinoe, autentica trascinatrice della squadra nelle 5 partite vinte in questi Mondiali.

Alex Morgan "assaggia" il terreno dello stadio di Lione.

Tra le inglesi, Lucy Bronze - che gioca a Lione - è pronta a guidare la difesa, mentre in attacco le Leonesse si affidano a Ellen White, 33 gol in maglia inglese, ad una sola rete dal suo record: segnando nella semifinale, diventerebbe la quinta miglior marcatrice della storia della nazionale femminile inglese.

Quella cabala...

Per quanto riguarda la cabala, la Fifa pubblica sul proprio profilo Twitter una interessante statistica: in cinque edizioni del Mondiale femminile, chi elimina la Germania poi ha sempre vinto il titolo...quindi, se tanto ci dà tanto, stavolta toccherà alla Svezia?

Nella seconda semifinale, la Svezia affronterà l'Olanda, "giustiziera" delle azzurre.

AGGIORNAMENTO DEL 2 LUGLIO 2019, ORE 23.46

La semifinale è stata vinta 2-1 dagli Usa: reti di Christen Press, Ellen White (34esima rete in maglia inglese) e Alex Morgan.

REUTERS/Denis Balibouse
Le americane fanno festa: sono in finale!REUTERS/Denis Balibouse
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.