Ndrangheta, Elia Minari: "È sempre più ramificata. Omertà anche al Nord"

Ndrangheta, Elia Minari: "È sempre più ramificata. Omertà anche al Nord"
Di Luca Santocchia
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Esperto di criminalità organizzata, Minari era ancora uno studente quando nel 2009 ha cominciato a occuparsi dell'infiltrazione della criminalità organizzata al nord. Le inchieste di Cortocircuito, associazione da lui fondata, sono state citate in diversi processi

PUBBLICITÀ

Elia Minari ha cominciato a denunciare l'infiltrazione della criminalità organizzata nel nord Italia quando era ancora uno studente di liceo a Reggio Emilia. Nel 2009 è stato tra i fondatori di Cortocircuito, un'associazione culturale antimafia formata da giovani di diverse città del nord Italia, in particolare studenti universitari e neolaureati diventati esperti di criminalità organizzata e corruzione. Le loro inchieste sono state citate in tribunale nel corso di diversi processi.

Una di queste inchieste, risalente al 2014, era incentrata sulla presenza della ndrangheta a Brescello, piccolo comune dell'Emilia dove risiedeva Francesco Grandre Aracri, il boss dell'ndrangheta arrestato martedì.

"È dal 2009 che mi occupo della cosca Grande Aracri realizzando vari approfondimenti - ha detto Minari a Euronews -, in particolare una videoinchiesta è stata proiettata in un aula di tribunale nel corso del procedimento giudiziario che ha portato alla confisca dei beni di Francesco Grande Aracri. I suoi figli, anche loro arrestati, nel settembre del 2014 addirittura scesero in piazza per contestare l'inchiesta che avevo realizzato sul caso di Brescello".

"Ciò che emerge oggi - ha aggiunto - è una ndrangheta particolarmente sofisticata e che si sta espandendo anche a livello europeo. Una ndrangheta che conquista anche il consenso sociale degli imprenditori, una ndrangheta che ha costituito una società che voleva costruire 350 villette a Bruxelles, in Belgio. Una ndrangheta che cerca di espanderi e ramificarsi anche in ambiti insospettabili, come ad esempio il settore del riso. Dall'inchiesta emerge anche l'interesse per i fondi europei destinati all'agricoltura. La ndrangheta si muove agevolmente da un paese all'altro. Gli esponenti della cosca Grande Aracri sono ormai radicati e presenti in diverse città della Ue. C'è la necessità di contrastare questi fenomeni perché queste persone si presentano come imprenditori insospettabili che hanno tanta liquidità e non è facile riconoscerli".

Le inchieste di Cortocircuito e i successivi procedimenti giudiziari hanno contribuito a smontare il mito del sud italia omertoso.

"L'omertà purtroppo non è un fatto peculiare di certe aree geografiche - sottolinea Minari -. Bisogna prendere consapevolezza che omertà, silenzio e difficoltà nel denunciare sono una caratteristica che riguarda anche nord Italia e nord Europa. L'aspetto paradossale è che sono stati gli imprenditori stessi a cercare la ndrangheta, perché volevano i suoi servizi a basso costo. L ndrangheta offre soprattutto manodopera. Gli imprenditori contattano la ndrangheta per poter costruire a basso costo o, ad esempio, per poter smaltire i propri rifiuti in modo veloce. Poi però di questi personaggi non ci si libera più. Diventano anche particolarmente violenti e a quel punto denunciare diventa difficile".

"Ci sono stati tanti imprenditori del nord Italia e del nord Europa che hanno avuto timore di denuciare perché si trovano di fronte ad un'organizzazione capillare e strutturata. Molti di loro si sono rivolti a questi personaggi e poi non sono più riusciti a liberarsene. L'omertà quindi non è assolutamente un tratto tipico del sud Italia, come in tanti hanno sostenuto per lungo tempo, ma riguarda invece anche il nord".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Proteggiamo Gratteri". Calabresi in piazza a difesa del procuratore della DDA

Operazione Libro Nero: 17 arresti a Reggio Calabria della cosca Libri. Anche due politici fermati

Italia Paese più vecchio d'Europa: preoccupati gli economisti