ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Erdogan: "Morsi è un martire, la sua morte causata da tiranni"

euronews_icons_loading
Erdogan: "Morsi è un martire, la sua morte causata da tiranni"
Diritti d'autore  REUTERS/Ahmed Jadallah
Dimensioni di testo Aa Aa

Ha chiesto di poter continuare la sua deposizione al processo che lo vedeva imputato per spionaggio e poi si è accasciato al suolo colto da malore ed è morto. Il primo a rendere omaggio all'ex presidente egiziano Mohamed Morsi è stato il presidente turco Erdogan: "Ai nostri occhi, (l'ex presidente egiziano Mohamed) Morsi è un martire che ha perso la vita mentre combatteva per la causa in cui credeva. La storia non dimenticherà mai i tiranni che lo hanno messo in prigione, lo hanno minacciato di morte e hanno causato il suo martirio ".

Dalle pagine del proprio sito internet, la reazione anche della "Fratellanza Musulmana" che si ispira a "Libertà e Giustizia", il partito politico di Morsi la cui morte viene definita un "omicidio". Critiche le associazioni di diritti umani, come spiega Amr Magdi di Human Rights Watch: "Riteniamo che l'isolamento e il maltrattamento del presidente Morsi potrebbero in realtà equivalere a torture secondo la Convenzione delle Nazioni Unite e in base ai principi di base sui detenuti che il governo egiziano ha completamente ignorato".

Il figlio dell'ex presidente egiziano ha svelato che le autorità egiziane si rifiutano di permettere che suo padre venga sepolto nella sua provincia di nascita sul delta del Nilo.