Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Road Trip Europe: l'Ungheria non dimentica la "crisi dei migranti" del 2015

Road Trip Europe: l'Ungheria non dimentica la "crisi dei migranti" del 2015
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Ci sono tante storie vere, in Ungheria, dietro la massiccia campagna del primo ministro Viktor Orbán contro gli immigrati.
Ve ne raccontiamo una di queste.

Piove a dirotto quando l'equipaggio del "Road Trip Europe" arriva ad Ásotthalom, in Ungheria, una delle aree agricole in prima linea nella crisi dei migranti nel 2015.

Il viaggio di Euronews attraverso l'Europa ci ha portato da Cluj-Napoca, in Romania, fino a oltre il confine ungherese.

Una comunità rurale tranquilla, abituata a vedere gli occasionali migranti nascosti nei boschi: improvvisamente li ha visti arrivare a dozzine.
L'agricoltore János Tóth ricorda bene quei giorni.

"Per me non era un problema"

"Hanno bevuto un litro d'acqua a testa, avevano molta sete. Per me non era un problema, è normale dare cibo o acqua a chiunque ne abbia bisogno".
János Tóth
Agricoltore

"Ce n'erano sedici in cortile, hanno detto che avevano bisogno di acqua. Ho detto sì, potete prendere l'acqua. Sono entrati, erano in fila, stavano pompando l'acqua. Prima stavo pompando io, poi mi hanno detto che lo avrebbero fatto. Hanno bevuto un litro d'acqua a testa, avevano molta sete. Per me non era un problema, è normale dare cibo o acqua a chiunque ne abbia bisogno", ricorda János Tóth.

Il giornalista di Euronews Gábor Tanács chiede:
- "Hanno rubato qualcosa, danneggiato qualcosa?"

"No, non in questa zona. Hanno fatto pochi danni, hanno calpestato le piante, non hanno guardato cosa stavano calpestando, stavano semplicemente marciando, come animali. Voglio dire: come una pecora o un altro animale a cui non importa di queste cose. C'era la rete di protezione, l'hanno abbattuta e hanno proseguito. Ma questo è stato più un fastidio che un problema vero", risponde János Tóth.

János Tóth durante l'incontro con Gábor Tanács e Damon Embling.

"Gli agricoltori sono stati accoglienti, fino a quando..."

Una sorta di recinto: è il solo modo in cui l'Ungheria ha reagito all'arrivo dei migranti.

Tamás Szalma, guardia civile della comunità locale, ci ha detto che gli agricoltori sono stati accoglienti e generosi, almeno fino a quando i kosovari e i siriani arrivavano con le loro famiglie. Ma nelle ultime fasi della crisi qualcosa è cambiato.

"Quando hanno iniziato a marciare sulla strada gruppi di 30-40 giovani uomini in età da soldato, la gente ha cominciato a pensare: 'Ma questo è davvero positivo per noi? Queste non sono famiglie con bambini piccoli che chiedono più acqua!'
Tamás Szalma
Guardia Civile

"Quando hanno iniziato a marciare sulla strada gruppi di 30-40 giovani uomini in età da soldato, la gente ha cominciato a pensare: "Ma questo è davvero positivo per noi? Queste non sono famiglie con bambini piccoli che chiedono più acqua!". Quello è stato il momento è scattata l'allerta", ricorda Tamás Szalma.

Sebbene il suo compito sia proteggere i raccolti, Tamás vuole aiutare la polizia di confine.

"Anche quest'anno siamo riusciti a catturare alcuni migranti, sebbene non sia il nostro lavoro. Ma dal momento in cui hanno superato la rete di protezione, hanno commesso un reato e la guardia civile deve trattenere un criminale colto in flagrante. A chiunque è permesso trattenerli, ma per la guardia civile è un dovere", spiega Tamás Szalma.

Tamás Szalma, con l'automezzo della Guardia Civile.

La vita è tornata alla normalità, ma...

La vita è tornata alla normalità in quest'angolo di Ungheria. Ma gli eventi accaduti qui quattro anni fa i cittadini non se li dimenticano, soprattuto ora che all'orizzonte ci sono le elezioni europee.

Un'immagine di...normalità.