EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

La riconcilizione tra Italia e Francia nel nome di Leonardo da Vinci

La riconcilizione tra Italia e Francia nel nome di Leonardo da Vinci
Diritti d'autore Uffizi Gallery/Handout
Diritti d'autore Uffizi Gallery/Handout
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Per i 500 anni dalla morte del genio italiano, incontro al vertice tra il presidente francese e quello italiano che daranno il via alle celebrazioni nel castello di Amboise

PUBBLICITÀ

Guardare al futuro per superare i recenti dissapori, Francia e Italia si riavvicinano nel nome di Leonardo da Vinci.

Il presidente italiano Sergio Mattarella sarà ricevuto dal suo omologo francese nel castello di Amboise, giovedì 2 maggio, per celebrare il cinquecentesimo 500mo anniversario dalla morte di Leonardo.

Un'occasione per normalizzare in modo definitivo i rapporti tra i due Paesi dopo le recenti scaramucce dialettiche.

Il direttore del castello di Amboise, Jean-Louis Sureau, non sottovaluta la portata dell'incontro:

"Il presidente francese incontra il presidente Mattarella qui a Amboise. Si tratta di un incontro solenne che dimostra come i due paesi condividano una memoria, una cultura, questa figura. L'incontro di giovedì vuole essere un segnale forte".

È nel castello di Amboise che il genio italiano fu invitato dall'imperatore Francesco I nel 1516, divenendone primo pittore, ingegnere e architetto. Morì il 2 maggio di tre anni dopo nel Castello di Clos Lucè.

"Senza ombra di dubbio Leonardo da Vinci è un artista e come tutti gli artisti e il loro lavoro, la loro arte è qualcosa che deve essere condivisa: Leoanaro è nato a Vinci senza ombra di dubbio ma la sua carriera è andata oltre ha lavorato per uomini potentissimi . Sul suo talento, la sua figura non ci sono ombra di dubbio e nel suo nome dobbiamo unirci".

I due presidenti si trasferiranno nel Castello di Chambord, che Leonardo progettò ma non realizzò, che conserva il suo stile, come dimostra ad esempio lo scalone a doppia elica al centro dell'edificio.

Nel castello di Clos Luce sono state riprodotte alcune invenzioni del genio e il castello, come tutti i luoghi vinciani, sarà teatro di molte delle iniziative del programma per ricordare i 500 anni della morte.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il genio di Leonardo in mostra alle Scuderie del Quirinale

Il "Periodo Francese" di Leonardo Da Vinci

Il codice Leicester di Leonardo da Vinci torna in Italia