ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Sri Lanka: il massacro di Pasqua. Oltre 200 le vittime accertate.

Access to the comments Commenti
Di Simona Zecchi
The scene at St Anthony's Shrine in Colombo
The scene at St Anthony's Shrine in Colombo   -   Diritti d'autore  Derana TV/via Reuters
Dimensioni di testo Aa Aa

Otto esplosioni simultanee sono avvenute nella domenica di Pasqua, in chiese dello Sri Lanka e altrettanti alberghi. Il bilancio dei morti sale di minuto in minuto (al momento sono 207 le vittime accertate) secondo fonti ospedaliere e di polizia. Otto le persone sospette che sono state arrestate nell'ambito delle indagini. Il governo ha dichiarato lo stato di emergenza e ha ordinato il coprifuoco (dalle 14.30 ore italiane sino alle 6.00 del mattino di domani 22 aprile)

Dopo le sei esplosioni più o meno simultanee di questa mattina, a distanza di circa poche ore, due nuove deflagrazioni si sono verificate nei sobborghi di Dehiwala, vicino allo zoo, e di Dematagoda, in un complesso residenziale.

A essere presi di mira tra le strutture di ricezione sono stati il Cinnamon Hotel, attaccato da un kamikaze, lo Shangri-La Hotel e il Kingsbury Hotel, frequentati da turisti europei, americani e asiatici.

@BHANOOB/via REUTERS
REUTERS/Dinuka Liyanawatte

I media locali e internazionali parlano poi di oltre 450 feriti (rispetto agli oltre 500 citati in precedenza da altre fonti) di cui una trentina stranieri. Si tratta dell'attacco più grave a 10 anni dalla fine della guerrra civile, dopo un periodo di relativa calma nel Paese. Nel frattempo la polizia ha pubblicato i numeri di morti e feriti ripartiti nei diversi ospedali. Nel National Hospital risultano 66 morti e circa 260 feriti, nel Negombo Hospital i morti sono 104 ed i feriti circa 100, nel Kalubowila Hospital si contano due morti e sei feriti, nel Batti Hospital 28 morti e 51 feriti e nel Ragama Hospital sette morti e 32 feriti.

Il capo della polizia dello Sri Lanka aveva emanato un’allerta a livello nazionale 10 giorni prima segnalando il rischio di attentati kamikaze proprio contro «chiese importanti».

Copiosa arriva la condanna internazionale agli attentati e la solidarietà a tutte le vittime tra fedeli e turisti. Il papa ha espresso dolore per la "violenza crudele" e vicinanza ai cristiani inghiottitti dal fuoco delle esplosioni. Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha espresso dal canto suo "orrore e tristezza" per quanto avvenuto: