ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia e Turchia: "Sul Golan Usa contro il diritto internazionale"

Russia e Turchia: "Sul Golan Usa contro il diritto internazionale"
Dimensioni di testo Aa Aa

Israele è sovrano sulle alture del Golan. Il riconoscimento da parte degli Stati Uniti inasprisce il contrasto con Russia, Turchia, Siria e Iran, i Paesi che concordano sul fatto che l'annuncio del presidente Trump sia in contrasto con le risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell'ONU e il diritto internazionale.

Il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, ha stigmatizzato la politica degli Usa in Medio Oriente: " Questa - dice Lavrov - è la dimostrazione consapevole e deliberata di permissivismo. E tale dimostrazione di permissivismo, insieme a intimidazioni, ultimatum e sanzioni, è fondamentalmente uno degli strumenti che gli Stati Uniti utilizzano in politica estera".

L'affondo di Lavrov arriva in occasione dell'incontro con l'omologo turco, Mevlut Cavusoglu, ad Antalya per verificare le convergenze tra i due Paesi su situazione internazionale e affari. E per ribadire le divergenze con gli Stati Uniti, che di recente hanno chiesto l'annullamento degli accordi per l’acquisto dei missili russi per la difesa aerea S-400 da parte della Turchia.

"Ci siamo seduti a parlare con la Russia - dichiara Cavusoglu - ci siamo accordati e abbiamo firmato un'intesa sul sistema d'arma antiaerea. Questo accordo è valido. In linea di principio è invece contrario al diritto internazionale che un Paese terzo (con riferimento agli Stati Uniti) si opponga a un patto tra altri due e cerchi di prendere altre decisioni".

Gli Stati Uniti avevano lanciato ripetuti avvertimenti alla Turchia sull'acquisto degli S-400, sostenendo che il sistema russo potrebbe costituire una minaccia alla sicurezza degli F-35 ad alta tecnologia.

Cavusoglu ha insistito sul fatto che la Turchia ha rispettato tutti i suoi obblighi relativi al programma F-35.