ULTIM'ORA

Thailandia: il partito dei militari reclama la vittoria

Thailandia: il partito dei militari reclama la vittoria
Diritti d'autore
Reuters
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Un esito elettorale che fa discutere, con l'opposizione che grida ai brogli e il partito di governo che reclama la vittoria alle elezioni politiche mentre lo spoglio volge al termine. In Thailandia si sono tenute le prime elezioni dal golpe militare del 2014.

Il partito dei militari, Palang Pracharat, detti anche "i gialli", si proclama vincitore.

Uttama Savanayana, il leader del partito, annunica: "La nostra formazione ha avuto la maggioranza dei voti popolari in queste elezioni. D'ora in poi inizieremo a contattare gli altri partiti che hanno vinto dei seggi e i cui programmi sono compatibili col nostro per formare un governo".

Il partito a sostegno dei militari avrebbe ottenuto 7,3 milioni di voti contro i 6,8 andati all'opposizione, al partito Pheu Thai. A cui però i conti non tornano. Un membro del partito dice che oltre 200 parlamentari di tutti i partiti politici hanno dichiarato che non lasceranno che i militari continuino al potere e che quindi è ora di cambiare.

Il Pheu Thai party è una diretta emanazione dell'ex primo ministro Thaksin, il magnate multimilionario che ha riparato all'estero e che da fuori governa l'opposizione col movimento delle "camicie rosse". In Thailandia dal 2014 con un golpe si è imposta una giunta militare dopo scontri e repressione; nelle strade si contarono 90 morti.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.