Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Boeing precipitato, scatole nere al vaglio dei tecnici

Boeing precipitato, scatole nere al vaglio dei tecnici
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Più di 50 nazioni, compresa l'Italia, hanno lasciato a terra il Boeing 737 Max, con restrizioni che arrivano anche a vietarne il passaggio nel proprio spazio aereo.

I divieti giungono dopo lo schianto dell'Ethiopian Airlines - precipitato la scorsa domenica subito dopo la partenza da Addis Abeba - facendo 157 morti, di cui otto italiani.

**A Parigi le scatole nere

**

Adesso l'attenzione si concentra sulle scatole nere del Boeing precipitato, inviate a Parigi. Un lavoro non facile, per scoprire quanto successo nei cinque minuti tra il decollo e lo schianto.

Intanto è il New York Times a pubblicare la drammatica testimonianza del pilota. Il capitano parlo' "di un'accelerazione dell'aereo ad una velocita' eccessiva e anormale".

"Vira, vira, tornate", l'appello disperato che il controllore di volo avrebbe lanciato poco prima della fine, riportato dal Nyt e rilanciato dall'Agenzia italiana Ansa.

Una indagine complessa

Proprio l'Ansa ricorda come "l'Etiopia aveva scelto di affidare alla Germania le scatole nere del Boeing 737 Max della compagnia aerea etiope, ma l'ente federale tedesco per gli incidenti aerei aveva declinato la richiesta per "mancanza del software necessario" ad analizzarle".

"I due registratori di volo - continua l'Ansa - sono stati danneggiati nello schianto e l'estrazione dei dati appare complessa. L'Etiopia aveva annunciato di volerli inviare in Europa perché non dispone della tecnologia necessaria alla lettura dei dati".

I familiari sul luogo del disastro

Sul luogo del disastro non si ferma il "pellegrinaggio" dei familiari delle vittime, che cercano tra i detriti tracce dei propri cari. Una cerimonia commemorativa ha raccolto parenti e amici di chi ha perso la vita, giunti da diversi Paesi del mondo per ricordare e accendere una candela.