Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Barnier: "Brexit figlia di politiche economiche sbagliate"

Barnier: "Brexit figlia di politiche economiche sbagliate"
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Per i britannici è stato un negoziatore deciso, fermo. Ora ripete che i negoziati sono chiusi, che una decisione deve essere presa a Londra. Michel Barnier, capo negoziatore dell'Unione europea per Brexit, ospite a euronews di Daniel Cohn Bendit parla dell'addio del Regno Unito all'Unione come di qualcosa di scontato e propone di andare avanti chiedendosi perché c'è stata Brexit.

"Bisogna ascoltare, e rispondere - dice - c'è una gran parte di questi elettori che ha votato per motivi che si ritrovano in alcune regioni della Francia, del Belgio o dell'Italia o in altri Paesi: è la sensazione di abbandono, il sentimento di esclusione, la sensazione che l'Europa non sta proteggendo, che l'Europa sarebbe gestita da una burocrazia che non ascolta e penso che dobbiamo imparare questa lezione dalla Brexit"

Barnier, analizzando le cause del disagio, le riporta al crollo del blocco sovietico, del "mondo bipolare" e alla nascita del mondo globalizzato, alle politiche ultraliberiste del laissez-faire, ingenuamente adottate anche dall'Europa e che hanno portato conseguenze che, dalla crisi in poi, ancora paghiamo.

Questa sera alle 22.30 in onda la versione integrale dell'intervista.