Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Pedofilia: Barbarin, arcivescovo di Lione, si dimette dopo la condanna

Kardinal çocuk tacizi suçunu örtbastan hapis cezası aldı
Kardinal çocuk tacizi suçunu örtbastan hapis cezası aldı -
Diritti d'autore
Reuters
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Ha rassegnato le dimissioni il cardinale Philippe Barbarin, arcivescovo di Lione, condannato questa mattina dal tribunale correzionale della città a sei mesi con la condizionale. Barbarin è accusato di non aver denunciato gli abusi sessuali perpetrati dal sacerdote Bernard Preynat su degli scout, negli anni '70 e '80. Il processo era iniziato a gennaio.

"Prendo atto della decisione del tribunale", ha dichiarato il porporato. "Ci tengo a esprimere la mia compassione per le vittime. Queste e le loro famiglie hanno un posto nelle mie preghiere. Ho deciso di recarmi dal Santo Padre per presentare le mie dimissioni. Mi riceverà tra qualche giorno".

Barbarin, arcivescovo di Lione dal 2002, ha poi lasciato la sala stampa della diocesi di Saint-Jean, senza rispondere ad alcuna domanda dei giornalisti presenti.

Il processo a Barbarin

Nove uomini hanno prima accusato padre Preynat di averli abusati - fatti per i quali quest'ultimo non è stato processato -, quindi hanno presentato denuncia contro chi avrebbe coperto gli abomini del sacerdote.

Lo scorso gennaio, il porporato si era alzato in piedi in Tribunale per contestare un'affermazione di uno degli accusatori, secondo cui Barbarin gli aveva fatto capire che sarebbe stato opportuno non rendere note le malefatte di Preynat.

Il cardinale non aveva denunciato gli abusi nei confronti di un folto gruppo di scout e nel 2016 era stato assolto dall'accusa di aver ostacolato la giustizia.

la condamnation du cardinal Barbarin pour non dénonciation d'abus sexuels est une bonne chose. Elle signifie qu'aucune...

Publiée par Bruno Charles sur Jeudi 7 mars 2019