ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

'Marocchini di me..', indagati i vicini

Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) - TORINO, 26 FEB - Insulti e minacce di morte alla vicina di casa, e al figlio di appena sei anni, perché di colore. Parla di questo l'inchiesta della procura di Torino che vede indagati marito e moglie, italiani di 54 e 59 anni. Atti persecutori aggravati dall'odio razziale i reati ipotizzati dal pm Pazè. Numerosi gli episodi contestati alla coppia, tra l'ottobre 2017 e dicembre 2018. In alcune occasioni gli indagati avrebbero urlato ai vicini "state zitti marocchini di m...", "puzzate", "veniamo su e vi facciamo un buco in fronte". Le vittime si sono rivolti alla polizia quando le aggressioni sono diventate sempre più numerose e violente. Nel febbraio 2018 anche il cugino della donna ne avrebbe fatto le spese: recatosi dai parenti per una visita, i vicini indagati gli avrebbero mostrato un coltello a serramanico. "Se non te ne vai, ti tiro fuori le budella", le parole accompagnate ad un gesto più che eloquente. Il pm ha chiesto per i coniugi l'allontanamento da casa; il gip ha disposto il divieto di avvicinamento.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.