ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ghirelli, i genitori dovevano opporsi

Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 18 FEB – Oltre allo spregio della lealtà
sportiva “in questa vicenda c‘è un altro aspetto che mi
inquieta: il fatto che i genitori non si siano opposti a far
scendere in campo ed a far vivere una esperienza disastrosa a
quei ragazzini per il solo scopo che ai loro amici, non dei
bambini, tra qualche anno potranno dire ‘mio figlio ha debuttato
nel calcio professionistico’. E’ stata una lezione educativa
veramente ignobile”. Il presidente della Lega Pro, Francesco
Ghirelli, così è intervenuto a ‘Radio anch’io sport’ sulla
vicenda del Pro Piacenza battuto 20-0 dal Cuneo avendo schierato
solo sette giocatori pur di evitare la radiazione. Quei sette il Pro Piacenza “ce li aveva già tesserati. Oggi
attendiamo le decisioni del giudice sportivo. Nell’ultimo
Consiglio federale – ha ricordato Ghirelli – è stata inserita la
norma sull’esclusione a campionato in corso per il mancato
pagamento degli emolumenti, ma dalla prossima stagione. E’ una
modifica che non si poteva fare a torneo in corso”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.