Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I giorni della rabbia dei pastori sardi

I giorni della rabbia dei pastori sardi
Dimensioni di testo Aa Aa

I pastori sardi continuano a far sentire la loro voce. Gli allevatori riversano da giorni la propria rabbia sulle strade della Sardegna, per protestare contro il prezzo del latte ovino e caprino, venduto alle aziende per troppo poco: 60 centesimi di euro al litro, un prezzo che non copre neanche le spese dei produttori. Mentre arrivano le prime denunce, domenica mattina a Porto Torres decine di contestatori hanno fermato dei tir frigo provenienti da Genova, tra i quali un mezzo che trasportava carni suine francesi.

L'ira dei pastori isolani

"Ogni pastore ha 11 persone da sfamare. Altro che essere assistiti, siamo noi che stiamo assistendo gli altri", spiega un manifestante.

"Questi ragazzi che fanno parte della nuova generazione", dichiara un altro allevatore. "Sto insegnando loro qual è la dignità e come vendere il loro prodotto".

Non una parola ed un silenzio quasi religioso. Per chi crede ancora che il latte che corre sulle nostre strade non sia doloroso #Ottana

Publiée par MPS - Movimento Pastori Sardi sur Dimanche 10 février 2019

I pastori non chiedono solo un aumento del prezzo del latte, ma contestano anche l'acquisto da parte di aziende locali di materia prima comunitaria, usata poi per formaggi e prodotti a marchio sardo. "Siamo alla fame e nessuno ci dà retta", dice infuriato un pastore.

“Soluzione o blocchiamo i seggi”

E ora arriva anche l'ultimatum alle istituzioni: se non si troverà una soluzione in pochi giorni, verranno bloccati i seggi in tutta l'isola, per le elezioni regionali di domenica 24 febbraio.

Thiesi - stabilimento Pinna

Publiée par MPS - Movimento Pastori Sardi sur Samedi 9 février 2019