EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Brexit, rischio recessione secondo la Banca d'Inghilterra

Brexit, rischio recessione secondo la Banca d'Inghilterra
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le incertezze permanenti sugli esiti della Brexit mettono in allerta Mark Carey, Governatore della Banca d'Inghilterra che parla di una dannosa volatilità a breve termine

PUBBLICITÀ

Theresa May vuole attuare la Brexit entro il 29 marzo come previsto. Lo ha detto a Bruxelles a conclusione dei colloqui con i leader europei. La premier britannica si è detta certa del desiderio degli interlocutori di arrivare a un divorzio "con accordo". Ma intanto è la Banca d'Inghilterra che teme il peggio.

La nebbia della volatilità

"La nebbia della Brexit provoca una volatilità a breve termine nelle statistiche economiche e più fondamentalmente crea una serie di tensioni per l'economia, per le imprese" ha affermato Mark Carney, il governatore della Banca d'inghilterra, il cui mandato è stato prorogato fino al 2020 per garantire la stabilità in tempi molto incerti. Nella sua relazione trimestrale, la Banca centrale inglese sottolinea che "questa incertezza è la più grande resistenza agli investimenti".

Carney ha anche detto che le "nebbie" della Brexit hanno effetti a breve termine che non dicono dove andrà l'economia" a medio termine.

Un Pil a picco sul vuoto

Senza accordo con Buxelles il Pil della Gran Bretagna sprofonderebbe dell’8% nel giro di un anno rispetto alla ricchezza prodotta nel Paese nel periodo pre-referendum, e del 10,5% nei cinque anni successivi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Banca d'Inghilterra, ancora su i tassi d'interesse

Irlanda del Nord: Londra approva l'intesa sulla fine dello stallo politico

Irlanda del Nord: raggiunto un accordo con il governo del Regno Unito, fine al boicottaggio