Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Parlamento UE e lobby, il centro-destra chiede voto segreto...sulla trasparenza

Parlamento UE e lobby, il centro-destra chiede voto segreto...sulla trasparenza
Dimensioni di testo Aa Aa

Gli eurodeputati di centro-destra sono stati criticati per una presunta richiesta di votazione a scrutinio segreto in tema... trasparenza. L'apparente contraddizione è stata sottolineata dal collega del Parlamento europeo, Sven Giegold.

Giegold ha dichiarato che i politici del gruppo del Partito popolare europeo (PPE) hanno deciso di chiedere, ad inizio mese, che il loro voto venga occultato in occasione dello scrutinio. Tutte le scelte di voto sono di norma registrate. Il Parlamento Europeo non ha ancora ricevuto una richiesta formale in merito ma potrebbe accadere in qualsiasi momento prima del dibattito di giovedì. All'ordine del giorno: inasprire le regole di trasparenza sul rapporto tra interessi privati e politica.

Il Parlamento europeo voterà infatti una norma che obbligherebbe i deputati che ricoprono posizioni chiave a pubblicare i loro incontri con i lobbisti.

"Questo voto sarà la decisione più importante in fatto di lobby e trasparenza nel corso di questa legislatura", ha detto Giegold, deputato dei Verdi. "È giunto il momento che i cittadini sappiano quali lobbisti influenzano i deputati al Parlamento europeo quando elaborano nuove leggi europee. Una forte tradizione del Parlamento è quella di decidere su questioni importanti con una votazione per appello nominale, in cui si elenca chi ha votato sì e chi ha votato no".

"Invitiamo i cristiano-democratici a ritirare la loro decisione e affrontare il voto pubblicamente".

Si dice che Bruxelles ci siano 15mila gruppi di lobby che tentano di influenzare la politica continentale a loro favore.

Secondo i promotori della campagna, le riforme proposte e che saranno messe ai voti questo giovedì non sono abbastanza ambiziose ma sono comunque un importante passo avanti.

Olivier Hoedeman, dell'osservatorio Corporate Europe, ha dichiarato che i deputati al Parlamento europeo potranno incontrare solo lobbisti registrati e che gli incontri con i politici in ruoli decisionali chiave dovranno essere pubblicati online.

Ha affermato che è "di fondamentale importanza" compiere progressi in materia di trasparenza delle attività di lobbying prima delle elezioni europee di maggio.

"È vero che i membri tedeschi del PPE di centro-destra hanno chiesto di tenere una votazione segreta sulle misure proposte", ha aggiunto. "Questo è chiaramente un tentativo bizzarro e inaccettabile da parte di questi parlamentari di evitare uno scrutinio pubblico del loro comportamento, dovrebbe essere respinto dal resto del parlamento".

Pedro Lopez, portavoce del gruppo PPE, ha detto a Euronews: "Quello che alcuni vogliono imporre, in nome della trasparenza, come regola al Parlamento europeo è esattamente la stessa cosa dell'obbligare i giornalisti a dichiarare le proprie fonti ogni volta che scrivono un articolo, in nome della trasparenza. Niente di meno, niente di più".