ULTIM'ORA
This content is not available in your region

All'interno di una scuola inclusiva giordana

All'interno di una scuola inclusiva giordana
Dimensioni di testo Aa Aa

La scuola Khawla Bint Al Azwar, a nord di Amman, è un esempio di educazione inclusiva per i bambini rifugiati giordani e siriani. Gli studenti con e senza disabilità frequentano insieme le lezioni e ricevono tutto il supporto scolastico e tecnico di cui hanno bisogno. Il programma di educazione inclusiva è stato progettato dall'ONG Mercy Corps e finanziato dal programma di aiuti umanitari dell'Unione europea.

Maisa Asmar, dell'ONG Mercy Corps ci racconta che il programma di educazione inclusiva si basa su tre pilastri: scuole, genitori e comunità locale e bambini con disabilità. "Dal punto di vista scolastico viene fornita l’assistenza per lo sviluppo delle competenze per gli insegnanti ma anche strumenti educativi e tecnologici, banchi, sedie. Parlando invece di bambini con disabilità sono fornite attrezzature particolari per loro, oltre a sessioni di riabilitazione, inclusione all'interno di classi regolari fornite dai nostri insegnanti di sostegno e supporto scolastico."

...

Questa scuola è dotata di tecnologia assistiva per cercare di offrire ai bambini disabili le stesse opportunità dei loro compagni. Questa classe utilizza un sistema all'avanguardia sviluppato per i bambini con problemi di udito.

"L’impianto a circuito chiuso è costituito da due loop, uno inferiore e uno superiore che si compone di bobine: abbiamo un amplificatore e anche un microfono che l'insegnante usa per parlare. Se sono un bambino con una disabilità uditiva e non sento da un orecchio, tocco la frequenza del sistema e posso sentire tutto ciò che sta accadendo all'interno ma anche quello che sta accadendo al di fuori del circuito e quello che crea rumore in realtà si sente bassissimo.”